POESIE - CAMPANIA
Che notte stanotte!
In un clima di baldorie e di rumorosa euforia, dimentichiamo i problemi di chi soffre e non disponiamo il nostro cuore a capire il significato vero della nascita del Cristo. Forse che il Bambinello nasce solo per poche persone?
Dialetto: Campania

Che notte stanotte!
Che notte stanotte!
S’appicciano e se stuteno ‘e stelle ncielo,
zinnejanno all’uómmene luntane
come pe dìcere: “Aizàte ll’uocchi’all’aria,
guardate stu Pittore cche se fir’‘e fa…
segna, spennella d’oro tutt’i punt’'e ll’universo
p’accujetà i còre afflitte e scunzulate,
pe fa capì ca ‘a lùce nc’è pe tutte”.

Che notte stanotte!
Aggitaziona, frenesia, esaltazióna
nu va e viene ca nun s’è visto maje
se mmeschia ô suono d’ê zampogne
e se spanne dint’ all’aria.

Che notte stanotte!
Attuorn’a tavulata nce scurdammo i guerre,
i sciarre, i traggedie, i scujetudene,
chiurimmo ll’uocchie pe nun verè ‘e stiente
e i turmiente ’e chi nun tène niente…
Se mangia, se canta, se sòna, se joca…

Che notte stanotte!
Ma ‘o Bambeniello vène p’uno sì e n’ate no?
Na musica d’angeli canta ncielo
“facite ‘o bbene, frarecàte ammóre”.
E si ‘o còre scampaneja cu ‘e campane,
apr’‘e porte all’accuglienzia,
cunzola i scujetate
‘o Bambeniello nasce ogni vòta pe ll’umanità!
Che notte, stanotte!


Traduzione in italiano

Che notte stanotte!
Che notte stanotte!
Si accendono e si spengono le stelle in cielo
strizzando l’occhio agli uomini lontani
come per dire: “Sollevate lo sguardo in alto,
guardate questo Pittore cosa ha saputo fare…
disegna, spennella d’oro tutti i punti dell’universo
per lenire i cuori afflitti ed angosciati,
per far capire che per tutti c’è la luce”.

Che notte stanotte!
Confusione, smania, divertimenti,
un viavai come non si è visto mai
si confonde col suono delle zampogne
e si diffonde nell’aria.

Che notte stanotte!
Intorno alla tavolata dimentichiamo le guerre,
i litigi, le tragedie, gli scoramenti e le illusioni,
chiudiamo gli occhi per non vedere gli stenti
e i tormenti di chi non possiede niente…
si mangia, si canta, si suona, si gioca…

Che notte stanotte!
Ma siamo certi che il Bambino nasce per tutti?
Una musica d’angeli canta in cielo
“Fate il bene, costruite amore”.
E se il cuore scampanella con le campane
apre le porte all’accoglienza
consola i malcontenti
il Bambinello nasce ogni volta per l’umanità!
Che notte stanotte!
Natale 2000

Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio