POESIE - CAMPANIA
Corpus Domini
Scene di rioni di un tempo ormai lontano in cui anche la religiosità si manifestava per le strade. La celebrazione del Corpus Domini rappresentava, dopo il Natale, il top delle feste e vedeva la partecipazione attiva e fattiva di tutto il circondario - bambini compresi - per l'allestimento delle cappelle che dovevano ricevere l'Ostensorio durante la processione.
Dialetto: Campania

Corpus Domini
Puntualmente, cu addor’‘e primmavera
ca ‘mporpa l’aria e avvampa i core,
se scetano i ricòrde …

Llà pe llà, ‘nu cuncierto d’angiulicchie
ncopp’‘e mmante arricamate
se spanne pi balcune smerlettate,
passa ‘o mare e spunzona sta iurnata.

-Guagliù, ‘a prucessione! ‘Ngenucchiateve!
Faciteve ‘a croce! -

"Inni e canti sciogliamo, fedeli,
al Divino Eucaristico Re…"
L’armunia ’e sta canzona,
eterna voce senza tiempo, scenne pi viche,
jenche l’aria
e rallegra, sulitaria, chistu core.

Tanta scene passano p’’a mente
tanta voce s’accavalleno p’’a capa!

Veco sciure sfrunnate tremmulejà ‘ncielo
primm’e furmà pe terra nu tappeto
apprufumato e, comme angule ‘e ciardino,
cappelle appriparate cu passione
int’a nu cantone, ncopp’a nu gradone,
dint’a nu purtone.

Quanta suonne, quanta speranze
jenchevano sti vvije!

Chisà, è sempe l’aria ‘e primmavera
e penzo a chell’usanza sulamente ebbolitana
‘e “passà” i ccriature annanz’all’Ostenzorio
p’avè ‘a sulenne benedizione!
“Hânna cresce sante e vecchierelle“,
diciva ‘a saggezza pupulare.

E mo ca sto verenno chistu film,
sente luntan’‘a museca antica da’ terra mia
e… scusate si è poco, spurisco ancora!
Quartu S.Elena (Ca), giugno 2002



Traduzione in italiano

Corpus Domini
Puntualmente, col profumo di primavera
che riempie l’aria e infiamma i cuori,
si svegliano i ricordi …

Subito, un concerto d’angeli
su coperte ricamati
si diffonde intorno passa per i balconi smerlettati,
attraversa il mare e conforta questa mia giornata.

-Ragazzi, la processione! Inginocchiatevi!
Fate il segno di croce! -

"Inni e canti sciogliamo, fedeli,
al Divino Eucaristico Re…"
L’armonia di questo canto, eterna voce
senza tempo, scende per i vicoli,
riempie l’aria e rallegra, solitaria, questo cuore.

Tante scene passano per la mente
tante voci si accavallano nella testa!

Vedo petali di fiori tremolare in cielo
prima di formare in terra un tappeto
profumato e, come angoli di giardino,
cappelle preparate con passione
in un cantone, su un gradone,
in un portone.

Quanti sogni, quante speranze
riempivano quelle vie!

Chissà, è sempre l’aria di primavera
ma penso a quell’usanza prettamente ebolitana
di “passare” i bambini dinanzi all’Ostensorio
per ricevere la solenne benedizione!
“Devono crescere santi e vecchierelli”,
diceva la saggezza popolare.

E adesso che sto guardando questo film,
sento lontano la musica antica della terra mia
e… scusate se è poco, la desidero ancora!

Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio