POESIE - LIGURIA
U piccettu che-u porta tristessa
Vincitrice del V° premio provinciale organizzato dalla Società savonese "A Campanassa". Scritta nel gennaio 1957.
Dialetto: Liguria

U piccettu che-u porta tristessa
A sentu che fèua
adoxiu baixina:
a stansia l'è pina
de luxe in pò freida.

U vegne de in can
u baiu luntan,
e-i canti di galli
i cure a campagna.

U cheu me s'insuppa
du grixiu mattin,
du lentu baixin
che-u cianze sciù a taera.

In cima a-u barcun,
intantu, se posa
de ciume in pugnettu,
in fi de becchettu:

se scrolla, u dà in criu,
se mia in pò in giu,
e turna u se scrolla,
dà turna in suspio.

E quellu piccettu
cu-e tre stisse russe
che a gua i ghe maccia,
de l'otra tristessa
me caccia in tu cheu.....



Traduzione in italiano

Il pettirosso che porta tristezza
Sento che fuori
pioviggina adagio:
la stanza è piena
di luce un pò fredda.

Arriva di un cane
l'abbaio lontano,
ed i canti dei galli
percorrono la campagna.

Il cuore si inzuppa
del grigio mattino,
della lenta pioggerellina
che piange sulla terra.

I cima al balcone,
intanto, si posa
di piume un pugnetto,
un filo di beccuccio:

si scrolla, dà un grido,
si guarda un poco in giro,
e nuovamente si scrolla,
dà ancora un sospiro.

E quel pettirosso
con le tre gocce rosse
che la gola gli macchiano
dell'altra tristezza
mi butta nel cuore......


Racconto inviato da: Luigi Panero di Loano