POESIE - LIGURIA
Luna chinante

Dialetto: Liguria

Luna chinante
Appena me dèsciu
de là de mâe ciante
a lùna chinante
a veggu pe-u çê.

A po’ mezza nëgia,
du cö de l’argentu,
da in buffu de ventu
purtò fin lasciù.

Intanto fa giurnu,
e creste di munti
de câeu i se veste.

E quande Baestrin,
in bassu, s’ingianca,
a lùna, lasciù
in mezzu a-u celeste,
nu naviga ciù.



Traduzione in italiano

Tramonto di luna
Appena mi sveglio
al di là delle mie piante
la luna calante
vedo nel cielo.

Sembra mezza ostia,
del colore dell’argento,
da un alito di vento
portata sino lassù.

Intanto fa giorno,
e le creste dei monti
si rivestono di luce chiara.

E quando Balestrino,
in basso, s’imbianca,
la luna, lassù
in mezzo al cielo celeste
non naviga più.

Scritta l’8 giugno 1957


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua