POESIE - CAMPANIA
'A scelta
Scegliere nella vita è sempre difficile, soprattutto se la scelta prevede il passaggio da una regione all'altra. E' ciò che è successo a me quando ho deciso di emigrare.
Dialetto: Campania

'A scelta
Succère! Eccome, si succère!
Agnarune ‘e nuje a ‘nu certu punto da’ vita soja
arriv’’a nu bivio
addà scegliere o a mana deritta o a mancina
addà scartà chiste o chillu penziero.
Ma se sape, nun sempe è ccosa facele.
Certi ddecisione s’hânna piglià tà tà, ‘ncopp’’a botta,
seduta stante, e allora s’addà tenè ‘o curagge
‘e cumbinà ampress’ampressa,
senza penzarce troppo.
Ate, ‘o cuntrario,‘mpegnano anema,
cuorpe, mente, totalmente,
fanno pennere ‘a valanza o a ‘na parte o a n’ata.
E, si è overo c’’a scasualità
nce mette, a vvote, ‘na bbona mana,
sempe ‘ncopp’e spalle noste è ‘a suluzione finale.
Pirciò, si ‘e ccose nun vanno pu verse juste,
si ‘a strata c’hâmma scegliute nun nce piace
nun putimme accusà né chiste né chillo,
né chesta né chella circustanza.
Ije, per esempio -e so’ oramai trent’anne e cchiù-
aggia pigliate ‘na decisione ca m’è cagnat’ ‘a vita.
Aggia passat’’o mare, aggia jute ‘Nsardegna,
aggi’accanusciute ausanze e “limba” nove,
aggia truvat’’a fatica ca me piace,
me so fatte ‘na casa, ‘na famiglia, tant’amice.
E so’ felice.
E allora, che voglio ‘e cchiù?
Niente. Sule ‘e pprete da’ terra mia.
settembre 2002


Traduzione in italiano

La scelta
Succede! Eccome se succede!
Ognuno di noi, a un certo punto della sua vita
arriva a un bivio
si trova a scegliere se andare a destra o a sinistra
deve scartare questo o quel pensiero.
Ma si sa, la cosa non è così semplice.
Alcune decisioni si devono prendere là per là, immediatamente,
senza pensarci troppo e così bisogna avere il coraggio di concludere velocemente,
senza pensarci troppo.
Altre, al contrario, impegnano anima,
corpo, mente, totalmente,
fanno pendere la bilancia o da una parte o dall'altra.
E, se è vero che il caso
ci dà,a volte, una grossa mano,
la decisione finale pesa solo sulle nostre spalle.
Perciò, se le cose non vanno per il verso giusto,
se la strada che abbiamo intrapreso non ci piace
non possiamo incolpare né questo nè quello,
né questa né quella circostanza.
Io, per esempio - e sono ormai trenta e più anni -
ho scelto una strada che mi ha cambiata la vita.
Ho superato il mare, sono andata in Sardegna,
ho conosciuto usanze e lingua nuove,
ho fatto un lavoro che mi ha soddisfatta,
mi son fatta una casa, una famiglia e tanti amici.
E sono felice.
E allora che voglio di più?
Niente. Solo le pietre della terra mia.

Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio