POESIE - LIGURIA
Vixite do piccetto

Dialetto: Liguria

Vixite do piccetto
In çima do fïgo
de là da-e mâe veddri
vegne l’amïgo
mâe d’ogni mattin:
o l’è o piccettin.

Gh’a rossa in po’ a göa,
sottì o becchetto,
ghe trëma a cöa:
me dixe cianin:
“Luigin, mâe Luigin!…

O m’è reston
lè solo d’amigu…
O s’è rigordon
de questo Luigin,
bon chêu d’oxellin…..

Mì sempre l’aspëto
in questa gran pöxe:
e-o chêu se fa inquieto
pensando o mattin
che ciù o piccettin
cantïà: “mâe Luigin”
tra i rammi do fïgo….



Traduzione in italiano

Le visite dell’usignolo
Sulla cima del fico
al di là dei vetri
della mia finestra
si ferma l’amico
mio di ogni mattina:
è l’usignolo.

Ha un poco rossa la gola
sottile il becchetto
gli trema la coda
mi dice sottovoce:
Luigin, mio Luigin!”
Mi è restato
solo lui di amico…..

Si è ricordato
di questo Luigin
buon cuore di uccello….
Io sempre l’aspetto,
in questa grande pace:

ed il cuore s’inqueta
pensando al mattino
in cui l’usignolo
non più canterà;

“mio Luigin”
tra i rami del fico…..

Stampata nel giorno della Immacolata Concezione del 1947


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua