POESIE - LIGURIA
U mâe chêu u l’è ligghon

Dialetto: Liguria

U mâe chêu u l’è ligghon
U passon l’è in pussu fundu
dunde u stà tuttu de nui :
da-u päpètu a ciamu in mundu
che lazzù ghe dorme quetu.

Ogni tantu sciù me vegne
i-na rêusa o-i na fêuggetta:
àn l’oudù da mâe zuentù
fresca, ricca e foscia aspretta.

Ma quarch’otta sciù me munta
drita, lunga, neigra e triste
i-na spina che-a se punta
propriu a-u centru du mâe chêu….

Ti me dì de stò luntan
du passon dä grande fossa?
Cuscci fandu chêu se sorva
da-i rigordi che-i dan scossa ?

Ma-u mâe chêu u l’è ligghon
survia-u pussu du passon!




Traduzione in italiano

Il mio cuore è legato
Il passato è un pozzo fondo- nel quale sta tutto di noi- dal parapetto (=päpètu) chiamo un mondo- che laggiù dorme queto.
Ogni tanto viene su- una rosa o una fogliolina:- esse hanno il profumo della mia gioventù- fresca, ricca e forse aspretta.
Ma qualche volta sale sino a me- dritta. Lunga, nera e malvagia (=triste)- una spina che si pianta- proprio al centro del mio cuore…
Tu mi suggerisci di stare lontano- dal passato del grande fondo?- Così facendo si salva il cuorre- da i ricordi che danno scosse?
Ma il mio cuore è legato- al pozzo del passato!

Scritta 25 marzo 1952


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua