POESIE - SICILIA
I Palummeddi ri Mari

Dialetto: Sicilia

I Palummeddi ri Mari
E quannu suscia u libecciu
si viri u mari incrispari,
arrifrisca n'anticchia
e luntanu si senti cantari,
comu n'alitania ri vuci bianchi
ca i picciriddi fa arruspigghiari
ri sta bonaccia r'agostu infirnali.

Ri luntanu arrivanu a migliaia
assicutannusi unu cu n'avutru,
s'affannanu p'amuri r'arrivari
e ri moriri senza n'enti capiri,
supra li scogghi si virinu svaniri
i poveri palummeddi ri mari.


Traduzione in italiano

Le colombelle di Mare
E quando soffia il libeccio
si vede il mare increspare
rinfresca un pò
e lontano si sente cantare
come un litanìa di voci bianche
che i bambini fà svegliare
da questa bonaccia d'agosto infernale.

Da lontano arrivano a migliaia
inseguendosi l'un l'altro
si affannano per amore di arrivare
e di morire senza niente capire
sopra gli scogli si vedono svanire
le povere colombelle di mare.

Racconto inviato da: Mauro Monteverdi