POESIE - LIGURIA
Fïgo Brigiassòtto

Dialetto: Liguria

Fïgo Brigiassòtto
Quande settembre o cega a bionda testa
de rappi d’ûga stanco e troppo sô
o brigiassòtto verde s’inghirlanda
de doçi porpe e sciami de figgiêu.

Ed anche d’oxeli i rami se fan pin:
mille becchetti son tutti scigoanti
che i ghe fan scïato, specie de mattin.
E-o veggio fïgo o rïe ciù che contento!

E poi d’ottobre o primo lavasson:
e tosto l’erbo o s’impe de muscin,
o sa de muffa o cianze früti e fêugge.

E-o de vigò pin tronco tanto antïgo
o se fa triste e spêuggio immenso fïgo,
in brigiassòtto sperso drento l’orto



Traduzione in italiano

Il fico brogiotto
Quando settembre piega (=cega) la bionda testa
di grappoli d’uva (=ûga) stanco e troppo sole
il brigiassotto verde s’inghirlanda
di dolci polpe e sciami di ragazzi.

Ed anche di uccelli si fanno pieni i rami:
mille becchetti sono tutti cinguettanti
che fanno un gran baccano, specie il mattino.
E il vecchio fico ride contento!

E poi il primo diluvio (=lavassun) di ottobre:
e subito l’albero si riempie di moscerini (=muscin),
e odora di muffa e cadono piangendo frutti e foglie.

E il vigore (=vigò) che riempiva il tronco tanto antico
si fa triste e spoglio (=spêuggiu) l’immenso fico,
un brigiassotto sperso dentro l’orto.

Scritta il 14 agosto 1947 e stampata il 7 settembre 1947


Racconto inviato da: Luigi Panero di Loano