RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
Parabola del Fio Prodigo
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

Parabola del Fio Prodigo
Nel dialetto triestino

Un omo el ga avu' do fioi. El più giovine de lori ga dito un giorno a su pare: «Caro pare vojo che me dè la parte de eredità che me toca, e cussi' el pare ga sparti' la parte dei fioi in do'».
Pochi giorni dopo el fio più giovine ga ingrumà la sua roba e el xè andà via in un paese assai lontan, dove che l 'se ga magnà tuto el suo con le donazze. Dopo che l 'ga consumà tuto, xe capitada una grandissima carestia in quel paese: alora lu el ga comincià ad acorzerse che nol gaveva più gnente, e gnanca un bocon de pan de meter in boca.
Pensando al mal che 'l ga fato, el se ga deciso de andar de un benestante perché lo ciolessi al suo servizio, e quel sior lo ga mandà nela sua vila a pascolar i porchi. Lu el jera fini ' in tanta miseria che 'l desiderava de impignirse la panza cole ghiande che magnava i porchi e no jera nissun che ghe ne dassi. Alora el ga comincià fra de lu a dir: «Quanti servi in casa de mio pare i ga del pan che ghe vanza, e mi qua in 'sto paese miserabile moro de fame! Vojo partir de qua, vojo andar da mio pare e ghe dirò: pare mio go pecà contro el ciel e contro de vu ', e per questo mi no son più degno de esser ciamà vostro fio, ve prego de tegnirme almeno come un dei vostri servi».
E difati el xe subito parti ' de là, el xe andà de su pare. Quando ch ' el jera ancora lontan,su pare lo ga conossu ', e avendoghe fato compassion, el ghe xe andà incontro , el se ga butà al colo, el ghe ga da tanti basi. E su fio ghe ga dito: «Pare mio go pecà contro el ciel e contro de vu ' , mi no son più degno de esser ciamà vostro fio».
Alora su pare ga dito ai sui servi: «Presto portè qua el più bel vestito, vestilo e meteghe anche l 'anel al dedo e le scarpe ai pie, e portè qua un vedel grasso, e mazzelo, perchè volemo magnar, e star alegramente; mentre sto fio che 'l jera morto el xe tornà vivo, el jera perso, el xe sta trovà».
Dopo i se ga messo a magnar alegramente. Su fradel più grande el jera in campagna, quando che el xe tornà e che el se avicinava ala casa, sentindo i soni e i canti che i fazzeva in casa, el ga ciamà un dei servitori e el ghe ga domandà cossa che jera quela roba, e lu ga risposto: «Xe tornà vostro fradel, e vostro pare el ga fato mazzar un bel vedel grasso, perché el ga visto su fio che xe tornà san e salvo».
A sentir tuto questo, el se ga stzzi ', e nol ga voludo entrar. Su pare ch 'el se ga inacorto el xe vignù fora e el ga comincià a pregarlo che l 'entrassi in casa e lu rispondendo a su pare ga dito: «Vardè xe tanti ani che mi ve servo e no go mai trasgredi ' i vostri comandi, e no me gavè mai dà un cavreto per magnarlo con i mii amici, ma dopo che xe tornà questo vostro fio, ch 'el ga consumà tuto el suo cole donazze, gavè subito fato mazzar un vedel grasso».
Su pare ga risposto: «Fio mio, ti te xe sempre con mi, e tuta la mia roba xe tua. Bisognava pur far una festa e star alegramente, perchè sto tuo fradel el jera morto, el xe tornà vivo, el jera perso, el xe stà trovà».




Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Racconto inviato da: Sara, Diego e Federico Siard