POESIE - MARCHE
NATALE
Il Natale dei poveri,fatto di semplici cose: un ramo di pino,qualche mandarino appeso,una stella di latta.Ma ai piccoli basta poco per fantasticare.
Dialetto: Marche

NATALE
Q'i manderì stacéa a spendulò
sopre 'na rama de pignòccu spennacchiata;
do' carammelle,calche pezzu de turo',
'n po' de farina sopre
mamma c'éa sparnicciàtu.

E dopu,c'era sempre el Bambinellu:
i ucchietti chiusi,lì,'ntra quella pàja,
'na cappannetta sotta el cèlu bellu,
'na stella fatta
c'un baràttulu de latta.

Ma i occhi se 'ncantàa de fantasia,
'edéu daggià calà un angiulettu;
la 'oce chiara sentìu de mamma mia
che,prestu,'uléa mannàcce tutti a lettu.

-O ma',stanotte nasce el Bambinellu,
'iène da no'cun tutti i angiuletti!
- Scì,criatùra,dorme,'nzògna el celu
che su 'sta tera,è pògu quel ch'è bellu!





Traduzione in italiano

NATALE
Quei mandarini stavano penzoloni
sopra un ramo di pino spennacchiato;
due caramelle,qualche pezzo di torrone
e un po' di farina sopra,
mamma aveva sparso.

E poi,c'era sempre il Bambinello,
gli occhietti chiusi,lì,tra quella paglia,
una capannetta sotto il cielo bello,
una stella fatta
con un barattolo di latta.

Ma gli occhi s'incantavano di fantasia,
vedevo già scendere un angioletto;
la voce chiara sentivo,di mamma mia,
che ,presto,voleva mandarci tutti a letto.

-Mamma,stanotte nasce il Bambinello,
viene da noi con tutti gli angioletti!
-Sì,creatura,dormi,sogna il cielo
ché su questa terra,è poco quel ch'è bello!



Racconto inviato da: Novella di Porto Recanati