POESIE - LOMBARDIA
Turnàr en dré
«Ricorda con forza e con gioia! Sembra essere l'assunto di questa poesia che prende i ricordi d'infanzia in un baito di una delle tante nostre valli per farne un affresco verde e soprattutto vivo e attuale, con un senso di felicità ritrovata che allarga il cuore anche al lettore». (Claudio Bedussi)
Dialetto: Lombardia

Turnàr en dré
'n sìma al mut
al Prà de le Nus
'n de 'l nàva da ùen el bubà
con d'él pitì, che 'l g'ha
né le rìce la cansù
e ne i öcc che 'l pasàva
le gàbie de i usèi
tacàe a i mür de 'l bàit.

Là 'l rìva amó
ancö che nó 'l g'ha gàmbe
e 'l sénte la us de 'l pàre
sentà ó, compàgn de alséra
e 'l ciàma él
el sò fiöl
e 'l vènt che sbréga le fòie
l'è cól de na vólta

el nar de la légor
có i öcc empìs
e de 'l cà che fa nar la cùa
de la vólp che bàla.
El ciél l'è 'n tùrt che 'l va
'n da val, la piàna
na vérda 'mpostùra
de rùer che se piéga sènsa saér
se al föch
i è cantàe o bòte de paés.

Se 'l seré 'l vùla ià
de dré a la cà, è restà
el sègn del calì
e i ricòrdi i farà bèi i dì
che g'ha amó da vègner.



Traduzione in italiano

Ritornare
In cima alla montagna
al Prato delle Noci
dove suo padre da giovane andava
con lui bambino, che ha
nelle orecchie la canzone
e negli occhi che passava
le gabbie degli uccelli
appese al muro della baita.

Là arriva ancora
oggi che si muove con fatica
e sente la voce del padre
seduto, come un tempo
e chiama lui
suo figlio
e il vento che strappa le foglie
è quello di una volta

l'istinto della lepre
dagli occhi acuti
del cane scodinzolante
della volpe ballerina.
Il cielo è un tordo che scende
nella valle, la pianura
una bugia verde
di roveri che si piegano senza sapere
se al fuoco
sono canti o risse di paese.

Se il tempo felice vola via
dietro la casa, è rimasto
il segno del fumo
e i ricordi renderanno lieti i giorni
prossimi a venire.

(Tremosine - BS)

Racconto inviato da: Daniele Andreis