POESIE - LOMBARDIA
Miracol d'autüni

Dialetto: Lombardia

Miracol d'autüni
Quan che 'l làmbich
l'era 'n bandù
de 'l lat, e la póra a spàle
seré sö de scondù
come diàoi e striù.
Óter che Prometeo e "acqua ardens"!
quan che brüsava vinàse e torcolà
tra fìle de orasiù
da dir a bàsa us.

E pó da la serpentèla
de ram, le prime góse
come acqua de 'n temporal
che cùla fìna e spóns a sénterla.
Snàsa e scarta
scarta e snàsa
có e cör, tàsta!
prima che rìve la cùa.

Miràcol de üa:
spìrit, da raspe e scórse.
Grèa creatüra
de ginéver che nèta
e cüra, grèa sorèla
de faìghe e misérie
àgra la bóca
grata la gùla, càrga
i bràs ai puarèc'.


Traduzione in italiano

Miracolo d'autunno
Quando l'alambicco
era un bidone
del latte, e la paura a spalle
rinchiusi di nascosto
come diavoli e stregoni.
Altro che Prometeo e "acqua ardens"!
quando bruciavano vinacce e torcolato
tra serie di preghiere
da dire a bassa voce.

(Tremosine - BS)

E poi dalla serpentina
di rame, le prime gocce
come acqua di un temporale
che cola fine e punge all'olfatto.
Annusa e scarta
scarta e annusa
capo e cuore, assaggia!
prima che arrivi la coda.

Miracolo d'uva:
spirito, da graspi e bucce.
Grappa creatura
di ginepro che depura
e cura, grappa sorella
di fatiche e miserie
aspra la bocca
gratta la gola, ricarica
le braccia ai poveri.

Racconto inviato da: Daniele Andreis