POESIE - CAMPANIA
'A PASTA
Tre sonetti in omaggio e lode della PASTA, alimento principe della cultura centro-meridionale! Nei sonetti sono nominati qua e là molti formati diversi di pasta in uso nella cucina partenopea...
Dialetto: Campania

'A PASTA
1.
Gnorsí ‘o cunfesso: songo ‘nnammurato;
me piace ‘a pasta! Tutta: tagliatelle,
mezzane, zite, penne, vermicielle,
linguine,… don ciccillo ‘ncruvattato…

basta ch’ è ppasta e m’ îte accuntentato,
m’ îte fatto signore!’O pirciatiello,
‘a lagana, ‘o tubbetto, ‘a fettuccella….
Chelle ca songo songo me truvate

pronto pe le fà ‘a festa… ‘Na furchetta
o pure ‘nu cucchiaro… comme sia
le dongo ‘nfaccia…â faccia ‘e chi ‘a scamette

e dice ca fa male… Fessarie!
Nun stàtele a ssentí a ‘sti chiacchiarune,
ca niente ‘e ppô appassà ‘e maccarune!


2.
Cunníta comm’ è è; stufata o espressa,
cu ‘a vongola, a rraú, pure… scaldata,
vullente ‘e fuoco, fredda, arrepusata,
pure azzeccata sotto… è bbona ô stesso!

Mettitammélla annanze e – cu permesso –
faccio unu muorzo e ddico: “ Sia lodato
chillu grand’ommo ca se ll’è ‘nventato
chestu mmagnà degno ‘e ‘nu rre o ‘nu fesso!”

E si vulite farme ‘nu regalo,
cunníteme duje tierze ‘e vermicielle
all’uso nuosto: vierde, juste ‘e sale

cu ll’aglio, ll’uoglio e ‘o ppoco ‘e cerasiello…
E pe ‘stu piatto lloco, v’assicuro
manco d’’a cchiú pappona… me ne curo!


3.
Pecché – nun me pigliate pe ricchione… -
‘a femmena è zucosa, sissignore…
È sapurita, te pô ddà calore…,
ma nun pô maje apparà ‘nu maccarone !

Nun pô vení “a chi sî ?” cu ‘nu zetone,
cu ‘nu manfredo chin’’e zuco e addore,
cu ‘na pasta ‘mbuttita o cu ‘o sapore
ca pô lassarte ‘mmocca ‘o cannellone!...

Fosse ‘a cchiú bbella, s’à dda tené ‘a posta
e à dda aspettà si ‘o maltagliato è ppronto…
E ave voglia ‘e farmela… ‘a pruposta

e dirme: “ E ghiammo!...” Niente! I’ nun me smonto.
Quanno me chiamma ‘a pasta e ‘a pummarola
I’ corro e ‘a lasso a s’arranggià essa sola


Traduzione in italiano

LA PASTA
1.
Sì lo confesso. Sono innamorato
Mi piace la pasta! Tutta: tagliatelle,
mezzani, zite,penne, vermicelli,
linguine, tubettoni…

Basta che sia pasta mi avete accontentato,
mi avete reso signore! Il foratino,
la lagana, il tubetto, la fettuccina,
Qualsiasi formato sia mi trovate

pronto per consumarlo… con una forchetta
oppure con un cucchiaio non importa
lo assalgo a dispetto di chi ne parla male

e dice che è dannosa… Sciocchezze!
Non ascoltateli codesti chiacchieroni
ché niente può superare i maccheroni!


2.
Condita in qualsiasi modo: stufata o cotta e servita
Con la vongola, al ragù,pure solo bollita,
ardente di fuoco, fredda, riposata
anche attaccata al tegame è buona ugualmente!

Ponetemela innanzi e, con il vostro permesso,
ne faccio un sol boccone e dico: “Sia lodato
quel grande uomo che lo à inventato
questo mangiare degno d’un re e di uno sciocco!”

E se volete farmi un regalo,
conditemi sei etti di vermicelli
a modo nostro: pronti, giusti di sale,

con l’aglio, l’olio e un po’ di peperoncino…
E per tale piatto vi assicuro
Che non mi interesso neppure della più attraente donna…(degna d'esser palpeggiata)


3.
Perché – non ritenetemi un pederasta –
la donna è sugosa(ricca d’umori)sissignore,
è saporita, ti può dar calore,
ma non può mai raggiungere un maccherone!

Non può venire a competizione con uno zitone,
con un manfredi ricco di sugo ed odore,
con una pasta imbottita o con il sapore
che può lasciarti in bocca un cannellone!

Anche se è la più bella, deve recedere
e deve aspettare se il maltagliato è pronto…
ed è inutile che mi faccia la… proposta

dicendomi: “E andiamo!” Io non mi lascio circuire;
Quando mi chiama la pasta con il pomodoro,
io corro e lascio la donna ad arrangiarsi da sola!

Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli