POESIE - LOMBARDIA
Ci só
«Composizione pervasa da malinconia e caratterizzata da un forte vincolo con la propria terra di origine. La città pazza fagocita la nostra identità. La spasmodica ricerca, vana peraltro, di connotazioni ambientali familiari, procura il desiderio di un annullamento totale in essa» (Claudio Bedussi).
Dialetto: Lombardia

Ci só
Quan che camìne
n' da via granda de la cità granda
sérche sö i quèrcc
le sìme piö alte de i me mucc.
Gnisù sa ci só
quan che cante
ne la cà granda de la cità granda
e sérche nel ninàr
de pas che nó cognòse
la us de le mé piante, la sö tra i mucc.
E mi nó só gnà se i gh'è
quan che i pàsa
có la röa granda de la cità granda
'n frèsa al crusàl, che i par macc
come i fiöm che ùsa e salta da i mé mucc.
Ho credèst de viver
come tacà ià
me bastava du öcc
per eser na serésa
'n car sènsa stànga
'n bidèt, en carbunér.
Alùra hó capì
che èser fèrmo l'era come nar
e da sentenér de agn respiràe
de aqua, 'n balòt ligà.
Nó sté domandàrme ci só
nó só che le prée, le fòie e la brina
la sö tra i mé mucc de coràl.


Traduzione in italiano

Chi sono
Quando cammino
nella strada grande della città grande
cerco sui tetti
le cime più alte dei miei monti.
Nessuno sa chi sono
quando canto
nella casa grande della città grande
e cerco nel frusciare
di passi che non conosco
la voce delle mie piante, lassù tra i monti.
E io non so neppure se esistano
quando passano
con la ruota grande della città grande
in fretta all'incrocio, che sembrano impazziti
come i fiumi che urlano e saltano dai miei monti.
Ho creduto di vivere
come appeso
mi bastavano due occhi
per essere un ciliegio
un carro senza barra
un pettirosso, un carbonaio.
Allora capii
che essere fermo era come andare
e da secoli vivevo
d'acqua, un sasso legato.
Non chiedete chi sono
non sono che le pietre, le foglie e la brina
lassù tra i miei monti di corallo.

(Tremosine - Lago di Garda, BS)

Racconto inviato da: Daniele Andreis