POESIE - LIGURIA
I teu speggetti
In questi giorni festosi di Natale si fa più struggente il ricordo delle persone care che non sono più con noi.Questa vecchia poesia nel rimpianto di mia madre,che rimane inalterato anche dopo tanti anni,dedico alla Sig. Paola con simpatia.
Dialetto: Liguria

I teu speggetti
Ho ritrovòu i teu speggetti.
No sò comme mai éan arestæ
in fondo de ‘na càntia in casa mæ.
Ancheu l’ho ritrovæ coscì pe caxo,
e coscì sensa pensäghe l’ho infiæ.

Me s’é appannòu de colpo tutto ingïo,
comme ingugéito in te ‘na neggia gianca:
no sò s’éan e lenti di speggetti
o e lägrime che me inpïvan i euggi.

Ma mentre vedeivo storbio tutto intorno
drento de mì ho visto con limpidezza
comme in sce un schermo passâ e cöse d’alloa,
e ho sentïo strenzise un groppo a-a göa.

Ho ricordòu o giorno che ti l’æ accattæ,
un pö mortificä de vegnï vëgia,
poi t’æ dïïto strenzendote mæ figgio a-o sen:
«Ti sæ, mæ nevo veuggio véddimelo ben!»

Pövia ca-a, fïïsan bastæ i speggetti,
pe poei vedde cresce i teu nevetti!
Invece de lasciù o Segnô
o comensava zà a ciammäte con amô:
perché i ciù boìn, ti o sæ,quelli o-i veu pe Lë!

Oua rimetto in ta càntia i teu speggetti,
me sciugo i euggi, e o spëgio do comò
o me dixe quanto tempo l’é passòu;
veddo fï d’argento brillâ in ti mæ cavelli,
e sento bruxiâ in to cheu comme ‘na sciamma:
o l’é o rincianto de quelli giorni coscì belli
de quando aveivo a zoentù, a feliçitae,
e tì, mamma.

Dialetto Genovese







Traduzione in italiano

I tuoi occhiali
Ho ritrovato i tuoi occhiali.
Non so come mai erano rimasti
in fondo di un cassetto in casa mia.
Oggi li ho ritrovati così per caso
e così senza pensarci li ho infilati.

Mi s’è sfocato di colpo tutto intorno,
come avvolto in una nebbia bianca:
non so se erano le lenti degli occhiali
o le lacrime che mi riempivano gli occhi.

Ma mentre vedevo annebbiato tutto intorno
dentro di me ho visto con limpidezza
come su di uno schermo passare le cose d’allora,
e ho sentito stringersi un nodo alla gola.

Ho ricordato il giorno che li hai comprati
un po’ mortificata di diventare vecchia,
poi hai detto, stringendoti il mio bambino al seno:
«Sai, il mio nipotino voglio vederlo bene!»

Povera cara, fossero bastati gli occhiali
per veder crescere i tuoi nipotini!
Invece di lassù il Signore
cominciava già a chiamarti con amore:
perché i più buoni, lo sai, quelli li vuole per sé!

Ora rimetto nel cassetto i tuoi occhiali,
mi asciugo gli occhi, e lo specchio del comò
mi dice quanto tempo è passato;
vedo fili d’argento brillare tra i miei capelli,
e sento bruciare nel cuore come una fiamma:
è il rimpianto di quei giorni così belli
quando avevo la gioventù, la felicità,
e te, mamma.


Racconto inviato da: Alba Toscanini