POESIE - CAMPANIA
'Na botta 'e vicchiaia
Il Poeta è preso da una strana sensazione di abbattimento, al pensiero drella vecchiaia. Gli sembra tutto inutile, gli sembra pazza la gente che si dà tanto da fare. Teme che sia il segno dell'avvicinarsi della morte, ma una buona bevuta lo riconcilia con l'esistenza.
Dialetto: Campania

'Na botta 'e vicchiaia
M'ha pigliato 'na botta 'e vicchiaia,
e nun tengo cchiù genio 'e fa niente,
e me pare 'mpazzuta 'sta gente,
ca se sbatte e nun sape pecchè.

N'ha pigliato 'na botta 'e vicchiaia,
come fosse un infarto mentale:
io sto buono, nunn'è ca sto' male,
ma nun saccio pecchè aggia campà.

Vuo' vedè ca 'sta botta 'e vicchiaia
fosse 'o segno d' ' morte vicina?
Alba juorno, se schiara matina,
ma io nun veco cchiù luce pe' me?

Ma 'sta boptta 'e vicchiaia po' passa,
e me resta cchiù voglia 'e campà:
è 'stu core ca 'e vote se spassa
e fa 'o fesso pe' farme tremmà.

Mo me faccio 'na bella mangiata,
e 'nce appoje 'na veppeta 'e vino:
alba juorne, se schiara matuina,
e io so' vivo e ancora sto' ccà!


Traduzione in italiano

Un colpo di vecchiaia
Mi ha preso un colpo di vecchiaia, e non ho più voglia di fare niente,
e mi sembra impazzita la gente
che si agita senza sapere il perchè.

Mi ha preso un colpo di vecchiaia,
come fosse un infarto mentale:
io sto bene, non è che sto male,
ma non do perchè debbo vivere.

Vuoi vedere che questo colpo di vecchiaia
fosse il segnale dell'avvicinarsi della morte?
Spunta il giorno, si fa mattina,
ma io non vedo luce per me.

Ma il colpo divecchiaia poi passa,
e mi resta ancora più voglia di vivere.
E' il mio cuore che a volte si diverte
e fa il fesso per farmi tremare.

Adesso faccio un bel pranzo
ci aggiungo una buona bevuta:
si fa giorno spunta il mattino,
e io sono vivo e sono ancora qui.

Racconto inviato da: Antonio Portolano