POESIE - CAMPANIA
'O Pueta
La gente pensa che far poesie sia sinonimo di allegria. Sentono che scrivi poesie napoletane e ti chiedono qualcosa. Ma il poeta non vuole gettare in pasto a tutti i suoi versi, che sono la sua sola ricchezza.
Dialetto: Campania

'O Pueta
'A gente ca me vede 'e fa puisie,
se crede ca so' cose allere, e rire:
e già, comme si po', p' 'a fantasia
ce stesse sulo'o rrosa e niente nire...

Te vedono cu' 'a penna dint''e mane
e già vedono tutto color rosa:
"Facite e puisie napulitane?
E facitece sentere quaccosa..."

E già,io po'piglio'a vita,'o bene,'o core,
'o suonno cchiù sunnato ca me sonno,
'o dulore ca canta 'a nonnanonna,
e 'o ghietto mmiez''a via, pe' nnanze a lloro...

Io nun so' ricco, ma tengo a puisia,
e lassateme sta' ca è rrobba mia!



Traduzione in italiano

Il Poeta
La gente che ti vede comporre versi,
crede che siano cose allegre e ride.
Come se per la fantasia esistesse
solo il color rosa e non il nero.

Ti vedono con la penna tra le mani
e vedono tutto color rosa.
"Fate versi napoletani?
E fateci ascoltare qualcosa!"

Io poi dovrei prendere la mia vita, il cuore,
i più bei sonni che faccio,
il dolore che mi canta la ninna nanna
e buttarli in mazzo alla strada, davanti a loro.

Io non sono ricco, ma posseggo la poesia,
e lasciatemi in pace, perchè è mia!

Racconto inviato da: Antonio Portolano