RACCONTI - LOMBARDIA
La Parabola del Figliol Prodigo
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?
Dialetto: Lombardia

La Parabola del Figliol Prodigo
Nel dialetto di Sannazzaro de' Burgondi (Pavia).

Un om äl g'avä d'q fioeu. Äl püsè giun g'à dì ä so padär: "Päpà, dam sübit lä mè part d'eredità cä mä spetä". Älurä äl padär l'à spärtì cu cä 'l g'avä tra i so dü fioeu. Dop un quai dì, äl fioeu püsè giun l'à vindü tütä lä so robä e äs n'è ändai int'un päis luntän e là, l'à spes tüti i so sold vivändä in goglä e migoglä. Quänd l'è rästà sensä pü gnintä, in tä cul päis là gh'è gnü unä tärmentä cärestiä e lü l'à cumincià ä veg dä bsogn. Älurä l'è 'ndai sutä pädron dä iün däl pais , c 'äl l'à mändà in ti cämp ä guärdà i pursé. Äd lä fam, l'ävris vurü >mängià i cärubi chi mängiavän i gugnin, ma insünä äg nä davä. Älurä, gnändä in täl so, l'à dì: "Tüti cui sutä me padär g'än dä mängià fen c'äg n'än ä sé, men inveci chi ä moeuri äd lä fam. Ändäroeu indré dä me padär e g'disaroeu: - Päpà, oeu pecà conträ 'l Signur e conträ ti. Ä son pü degn dä ies un to fioeu. Tratäm 'me un to gärsòn". Äl s'è inävià e l' è 'ndai indré dä so padär. Intänt c'l'erä äncù luntän, so padär äl l'à vüst e g'à 'vü cumpassion. G'à curs inconträ, äll'à bräsà sü e äll'à bäsà. Äl fioeu g'à dì: "Päpà, oeu pecà contr'äl Signur e conträ ti. Ä son pü degn dä ies un to fioeu". Ma äl padär g'à dai urdin ai so gärson: "Fè präst, purtè chi 'l vistì püsè bel e vistisèl , mätèg l'äné äl did e i scarp in ti pé. Ändè ä pià äl vidél gras e mäsèl. Fumä festä con un disnà, pärchè cul fioeu chi l'erä mort e l'è gnü >äncù viv; l'erä pers e l'è stai ritruà". E iän incumincià ä fa festä. Intänt, äl prim fioeu l'erä in cämpagnä. Gnändä ä ca, quänd l'à rivà presä ca suä la sintü chi sunavän e i balavän. L'à ciämà un gärsòn e g'à dì sä cl'era sucès . Äl gärsòn g'à dì: "G'à gnü ä ca to fradé e to padär l'à fai mäsà äl vidél gras pärchè äl g'avü indré äl so fioeu sän e saläv". Älurä lü sa räbià e 'l vurivä näncä ändà in ca. Ma so padär l'è ändai foeu pär ciärcà dä cunvinciäl ä 'ndà dentär. E lü g'à rispost ä so padär: "Dä tänti an men ät särvìsi e t'oeu sempär dai dätrà, epürä ti tä mè mai dai un cravén dä fa festä cui mè ämis. Adès inveci c'à gnü ä ca cul to fioeu chi, cl'à trai viä i so sold cui putàn, pär lü t'è fai mäsà äl videl gras!". So padär äl g'à dì: "Car äl mè fioeu, ti t'è sempär cun men e tüt cul cl'è äl mè, l'è äncä äl to; ma 's duvivä fa festä e ies cuntent, pärchè, cul to frädé chi, l'erä mort e l'è gnü äncu äl mond, äl s'erä pèrs e l'è stai truà äncù!".




Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Racconto inviato da: Renato Murelli