POESIE - CAMPANIA
U marito jucatore
A volte il gioco del lotto, come del resto tanti altri giochi, se accanito e continuo, diventa una droga alla quale ci si abitua, per cui servono dosi sempre maggiori per ottenere piena soddisfazione. E, come le droghe, scompiglia anche le famiglie più solide. Ma basta una vincita e....
Dialetto: Campania

U marito jucatore
Tiene nu core pesante com’ê pprete!
T’aggia chiamato, t’aggia supplicato,
ma tu niente, nun t’â fatto passà
manco p’â capa
e, comme a Matilde di Canossa,
m’ê chiusa ‘a porta ‘nfaccia.
Carmé, sì n’apprufittanta,
staje strapazzanne
st’òmmene afflitto come piace a te,
come te schiocca ‘ncapa.
Eppure, ‘o ssaje, te voglio bbene,
campo d’â vicinanza e d’ô respiro tuojo.
Ma, che aggia fa si po, ogne tanto,
me piglia ‘a smania ‘e ì a jucà?
È ‘na malatia croneca,
ca nun votta a sanà.
A proposeto, Carmè!?, t’arricuorde
chilli numere ca m’â rato
‘o monaco int’ô suonno?
Embé, nun alluccà, ll’aggia jucate
e… vuo’ sapé ‘na cosa?
Cinquecient’ euri aggia pigliato!
All’anema ‘e chi t’ê biecchie,
e mo m’ô ddice?
Iamm’ampressa ià, trase, trase!



Traduzione in italiano

Il marito giocatore
Hai un cuore duro come le pietre!
Ti ho chiamata, ti ho supplicata,
ma tu niente, fai l’indifferente
e, come Matilde di Canossa,
mi hai chiusa la porta in faccia.
Carmé, sei un’approfittatrice,
stai calpestando
quest’uomo infelice come piace a te,
come ti frulla la testa.
Eppure, lo sai, ti voglio bene,
vivo della vicinanza e del respiro tuoi.
Ma, che devo fare se ogni tanto,
mi lascio prendere dalla smania di giocare?
È una malattia cronica
che penso non guarirà mai.
A proposito, Carmela, hai presente
quei numeri che mi ha dato
il frate nel sogno?
Ebbene, non te la prendere, li ho giocati
e… vuoi sapere una cosa?
Cinquecento euro ho ricavato!
Per l’anima di tutti i tuoi vecchi,
solo ora me lo dici?
Dai, veloce, entra entra!


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio