POESIE - LIGURIA
Paisetto de Liguria

Dialetto: Liguria

Paisetto de Liguria
De votte særo i euggi pe ammiäte,
bello paisetto annicciòu in sciä collinn-a,
con in äto a grande gexa e o campanin
che in lontanansa a me pàiva ‘na reginn-a
co-e case appreuvo, a fäghe da strascin.

Paisetto de l’infansia mæ lontann-a
dovve a guæra a pàiva no arrivâ,
oua me basta lasciäme trasportâ
da-e onde de duî ciocchi de campann-a
pe ritornâ a corî in ti teu strazetti,
pe accoegäme in sce un pròu e stâ a amiâ
o çê tutto fiorïo de farfallette.

Cäo paisetto arreixiòu in to mæ cheu,
circondòu da-i verdi scaên de fasce,
co-i téiti d’abbæn dovve o sô o ghe brilla,
o teu ricordo o l’é nutrimento da memöia
dovve l’anima stanca a se pasce
e o cheu ammagonòu o se recilla.


Dialetto Genovese




Traduzione in italiano

Paesino di Liguria
A volte chiudo gli occhi per vederti,
bel paesino abbarbicato alla collina
con in alto la grande chiesa e il campanile
che in lontananza mi sembrava una regina
con le case appresso, a farle da strascico.

Paesino dell’infanzia mia lontana,
dove la guerra sembrava non arrivare,
ora mi basta lasciarmi trasportare
dalle onde di un rintocco di campana
per ritornare a correre nelle tue stradine,
per sdraiarmi su di un prato e star a guardare
il cielo tutto fiorito di farfalline.

Caro paesino annidato nel mio cuore,
circondato dai verdi scalini delle «fasce»,
con i tetti d’ardesia dove rifrange il sole,
il tuo ricordo è il cibo della memoria
dove l’anima stanca si pasce
e il cuore angustiato si consola.


"Fascia"-spiana di terreno seminato-










Racconto inviato da: Alba Toscanini