POESIE - CALABRIA
Sètti ppi sètti
Questa filastrocca è la vera antesignana del ritmo che oggi chiamano RAP. Mia nonna Rosaria (classe 1895) la cantava, negli anni Cinquanta, quasi alla maniera di Jovanotti e, cosa molto importante, sfidava mio nonno a ripeterla, col ritmo giusto, quello della tammurriata, per intenderci, senza mai riprendere fiato e, il più delle volte, improvvisando. Pertanto, quella che trascrivo è solo un frammento di quel gioco affascinante, fatto di parole e di movenze, quello che ricordo meglio. Come in tutte le filastrocche, le parole hanno solo la funzione di assecondare il ritmo. Mi sembra che l'unico significato che si possa dare alle strofe sia quello di evidenziare, attraverso il gioco, i sogni della povera gente, le cose desiderate e le paure. Ad esempio, i broccoli con le uova (il broccolo era un piatto fin troppo comune, odiato quasi, ma con le uova rappresentava una rara leccornia poiché le uova si dovevano vendere, non mangiare). Il monaco a cavalcioni e l'indigestione da cotiche: due incubi (il primo per il marito che temeva corna e il secondo per tutti: con l'uccisione del maiale era l'unica indigestione che i poveri potevano permettersi).
Dialetto: Calabria

Sètti ppi sètti
Nel dialetto di Reggina-Lattarico (Cosenza)

Sètti ppi sètti
e nu trapan'e na bbarretta
e nu tràpan'e nu tràpanu
e ru pizzu di la pàpara
e ru pizz'e ru pizzu
e ru cori ca ti 'mpizzu
e ru cori e ru cori
e ri vruòcculi cuddr'ova
e ri vruòccul'e ri vruòcculi
e na spina fatt'a zuòcculu
e na spin'e na spina
e na feddr'i lattucina
e la feddr'e na feddra
e na coscia di viteddra
e na cosci'e na coscia
e nu monacu 'ncalòscia
e nu monacu e nu monacu
e na frittul'intr'u stomacu!



Traduzione in italiano

Sette per sette


Sette per sette
e un trapano ed un berretto
e un trapan'ed un trapano
ed il becco d'una papera ed il becco
ed il becco ed il cuore che t'infilzo
ed il cuore ed il cuore
ed i broccoli con le uova
ed i broccoli ed i broccoli
e una spina fatta a zoccolo
e una spina e una spina
e una fetta di formaggio
e una fetta e una fetta
e una coscia di vitello
e una coscia e una coscia
ed un monaco a cavalcioni
ed un monaco ed un monaco
ed una cotica nello stomaco.


Racconto inviato da: Benito Ciarlo