POESIE - CAMPANIA
SONA, Marì!
Una chitarra nelle mani della donna amata, stimola tutti i sentimenti e risveglia cento immagini...
Dialetto: Campania

SONA, Marì!
Sona, Marì!
Sona chesta chitarra… e fallo doce doce!
Famme sentí ancòra chella voce
ca vène da luntano
e s’appresenta cca, quanno tu cu ‘sta mano
tu n’accarizze ‘e ccorde chianu chiano…
Famme sentí ‘o viento d’’a scugliera,
ll’addore salimasto ‘e ll’onne ‘e mare,
tutte ‘e prufume ‘e quanno è pprimmavera,
‘e ffronne scarpesate dinto ll’autunno amaro,
‘a pucuntria d’’o friddo d’’a vernata…
Carézzame chest’anema d’’a mia
e dimme ca sî sempe ‘nnammurata,
comme songh’ i’…
Sona Marí.



Traduzione in italiano

Suona, Maria!
Suona, Maria!
Suona questa chitarra e fallo dolcemente!
Fammi ascoltare ancòra quella voce
che viene di lontano
e si presenta qui, quando tu con la mano,
tu ne carezzi le corde piano piano...
Fammi ascoltare il vento della scogliera,
l'odore salmastro delle onde del mare,
tutti i profumi di quando è primavera,
le foglie calpestate nell'autunno amaro,
l'ipocondria del freddo invernale...
Accarezza l'anima mia
e dimmi che sei sempre innamorata
come lo sono io...
Suona Maria!


Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli