RACCONTI - LOMBARDIA
La Parabola del Figliol Prodigo
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?
Dialetto: Lombardia

La Parabola del Figliol Prodigo
Dialetto di Robbio (Pavia)

11. Un òm a l gh àva dü fió;

12. E l püsè giúuan da lur a gh dìa al papà: "Pa dam la part da cul ch a m a spécia." E l papà a l spartìssa la ròba

13. E n quài dì dòp, al sicónd, rabaià sü tütta la sò ròba, a s n a va n t un paìs ca dal diàual, e lì a l tràa ògni sustàn- sa, fànda la bèla vìtta.

14. E dòp ch a s ha mangià fóra sütüt, nta cùlli bàndi gh ha gnü na gròsa ca- ristìia, tàntu véra ch a l ha cmincià a véch dasté.

15. E l ha ndài e s ha mitü cun iün ch a stàva linsilà, ch l ha mandà n t i sò pusesión a guarda i purscè.


16. E lü l àvrìia vursü mpinìs la pànscia cúi giàndli ch i mangiàvu i purscè, ma gh éra nsüña ch a gh n a dàva.

17. ntlùra, gnü n santür, l dìa tra lü e lü: I salarià d mè papà gh han tüt al pan ch i vóru e mi i mór ad fam!


18. Ch i ciàpa sü e ch i vàia ndú mè papà e gh' diarò paréc: «papà i hò fài pca còntra al ciél e cóntra da ti:

19. e m l a sént pü da vés pasà par al tò fió: tràtam cmè iün di tò salarià.»


20. Dónca, l ciapà sü e l va ndréra n- dú sò papà; e l éra ncúra distànt, che sò papà l ha vüst e gh n ha vü cumpa- sión e l ha curs e l ha brascià sü e l ha baà.
21. E l fió gh fa: Papà, i hò picà nvèr al ciél e nvèr ti: e i pód pü vés tammè n fió di tò!


22. Ma l papà l fa tacà a i sò òman: Purti chi la müda püsè bèla e vistìl e mitìgh un anèl al dìi e di scàrpi n t i pé.


23. E tiri fóra l bucìn ch i úmma fài n- grasa, fil mala, e mangiúmma, bivúm-ma e stúmma alégar:

24. Parchè su mè fió chi l éra tammè s a l füssa mòrt e l ha risüscità, l éra pir- dü e l ha stài ritruà!. E s han mis dré a fa di gran fèsti.

25. Al prüm fió l éra vòti n t i camp; e ntànt ch a l gnìva ndréra, rivà rénta ca sùua, l ha sintü suna e bala.


26. E ciamà iün di sò paiàn, al vóra sa- véi cu l vurìva di tüt cul ciadèl,

27. E cullà gh fa: Tò fradè l ha gnü ca e tò papà l ha masà l vidèl angrasà parchè l ha gnü ndréra san e salf.


28. Ma lü s a nrabiì cmè na bìssa e l ha nò vursü nda n ca; e l papà l ha gnü fóra e gh dìa da nda dénta.

29. Ma lü al ribèca e gh dìa: Eccu: l è na vìtta ch i laúr par ti e t ho sémpar dài datrà, e ti t a m hè mài dài gnànca un cravìn par fa un pò ad fistìn cu i mè amìs

30. Ma quànd al tò sicónd, ch a s ha mangià fóra sütüt cu i ginòrii, l ha gnü ndréra, ti t ha gh hè masà l bucìn an- grasà.

31. E l papà gh fa: "Car al mè fió, ti t é sémpar chi nsèma mi, e tütta la mè ròba l è ròba tùua.

32. Dès bugnàva fa fèsta e vés cun- tént parchè su tò fradè chi éra mòrt e l ha gnü ncùra n vìtta, l éra pirdü e l ha stài truà ncúra!".


Traduzione di Roberto Scansetti,
del 17 - 02 - 2002.



Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo


11. Un uomo aveva due figliuoli;

12. E il più giovine di loro disse al padre: padre dammi la parte dei beni che mi tocca: e il padre spartì loro i beni.

13. E pochi giorni appresso il figliuol più giovane, raccolta ogni cosa, se n andò in paese lontano, e quivi dissipò tutte le sue facoltà, vivendo dissolutamente.

14. E dopo ch egli ebbe speso ogni co-sa, una grave carestia venne in quel paese, tal ch egli cominciò ad aver bi-sogno.

15. Ed andò e si mise con uno degli abi-tatori di quella contrada, il quale lo man-dò a suoi campi a pasturar i porci.


16. Ed egli desiderava d empiersi il cor-po delle silique che i porci mangiavano, ma niuno gliene dava.

17. Or, ritornato a se medesimo disse: quanti mercenari di mio padre hanno del pane largamente, ed io mi muojo di fa-me.

18. Io mi leverò, e me ne andrò a mio padre, e gli dirò: padre, io ho peccato contro al cielo e davanti a te:

19. E non son più degno d esser chia- mato tuo figliuolo: fammi come uno de tuoi mercenari.

20. Egli dunque si levò, e venne a suo padre: ed essendo egli ancor lontano, suo padre lo vide , e ne ebbe pietà: e corse, e gli si gettò al collo e lo baciò.

21. E il figliuolo gli disse: padre, io ho peccato contro al cielo e davanti a te: e non son più degno d esser chiamato tuo figliuolo.

22. Ma il padre disse ai suoi servitori: portate qua la più bella veste, e vestitelo e mettetegli un anello in dito, e delle scarpe ne piedi.

23. E menate fuori il vitello ingrassato, ed ammazzatelo, e mangiamo e ralle- griamoci:

24. Poiché questo mio figliuolo era mor-to ed è tornato in vita; era perduto ed è stato ritrovato. E si misero a far gran fe- sta.

25. Or il figliuol maggiore d esso era ne campi; e, come egli se ne veniva,essen-do presso la casa udì il concento e le danze.

26. E chiamato uno de servitori, do-mandò che si volessero dire quelle cose

27. Ed egli gli disse: il tuo fratello è ve-nuto, e tuo padre ha ammazzato il vitello ingrassato, perciocché l ha ricoverato sano e salvo.

28. Ma egli si adirò, e non volle entrare: laonde suo padre uscì, e lo pregava d entrare.

29. Ma egli rispondendo disse al padre: ecco, già tanti anni io ti servo, e non ho giammai trapassato alcun tuo comanda-mento; e pur giammai tu m hai dato un capretto per rallegrarmi co miei amici.

30. Ma quando questo tuo figliolo che ha mangiato i tuoi beni con le meretrici, è venuto, tu gli hai ammazzato il vitello ingrassato.

31. Ed egli gli disse: figliuolo, tu sei sempre meco, ed ogni cosa mia è tua.


32. Or conveniva far festa e rallegrarsi: perciocchè questo tuo fratello era morto ed è tornato a vita: era perduto, ed è stato ritrovato.


Testo italiano della "Parabola del figliuol prodigo" tratta dalla Sacra Bibbia e volgarizzato da Gio. Diodati inserito ne
"I parlari del Novarese e della Lomellina" di A. Rusconi - Tipogr. Rusconi, Novara 1878.


Racconto inviato da: Roberto Scansetti