POESIE - SICILIA
L'amuri
Sonetto di Nino Martoglio, famosissimo poeta e giornalista, nato a Belpasso (CT) nel 1870 e morto a Catania nel 1921, tratto dalla sua più famosa raccolta di liriche e sonetti, "Centona".
Dialetto: Sicilia

L'amuri
- Mamà, chi veni a diri “’nnamuratu” ?
- Voldiri... un omu ca si fa l’amuri.
- E amuri chi voldiri ? - E’ un gran piccatu;
è ‘na bugia di l’omu tradituri !

- Mamà..., ‘un è tantu giustu ‘ssu dittatu...
ca tradimenti non n’ha fattu Turi !
- Turiddu ? E chi ti dissi, ‘ssu sfurcatu ?
- Mi dissi... ca pri mia murìa d’amuri !

- Ah, ‘stu birbanti !... E tu, chi ci dicisti ?...
- Nenti ! Lu taliai cu l’occhi storti...
- E poi ?... - Mi ni trasii tutta affruntata !...

- Povira figghia mia ! Bonu facisti !...
E... lu cori ? – Mi batti forti forti !...
- Chissu è l’amuri, figghia scialarata !


Traduzione in italiano

L'amore
- Mamma, che vuol dire “innamorato” ?
- Vuol dire... un uomo che si fa l’amore
- E amore che vuol dire ? - E’ un gran peccato;
è una bugia di un uomo traditore !

- Mamma..., questa definizione non mi pare molto giusta...
che tradiemnti non ne ha fatto Turi !
- Turiddu ? E che ti ha detto, questo furfantone ?
- Mi ha detto... che moriva d'amore per me !

- Ah, questo birbante !... E tu, che gli hai detto ?...
- Niente ! L'ho guardato con gli occhi storti...
- E poi ?... - Me ne sono rientrata tutta vergognosa !...

- Povera figlia mia ! Hai fatto bene !...
E... il cuore ? - Mi batte forte forte !...
- Questo è l'amore, figlia scellerata !

Racconto inviato da: Nino Martoglio