POESIE - CAMPANIA
'a scarpetta
In questi due sonetti è glorificata quella sana abitudine dei buongustai di raccogliere con un pezzo di pane e divorare fin le ultime briciole delle pietanze loro ammannite, fare cioè la cosiddetta scarpetta.
Dialetto: Campania

'a scarpetta
1.

Va bbe’ nun dico ‘e no: so’ scustumato,
nun tengo educazzione, sí ll’ ammetto…
ma, che ce pozzo fà?…, a ‘na scarpetta
nun ce rinunzio manco si … sparate!

È assaje cchiú fforte ‘e me, e ‘a che so’ nnato
so’ asciuto sempe pazzo p’’a… zuppetta
e ffatta a mmano sa’… senza furchetta
si no fernesce ‘o sfizzio ‘e ll’ azzuppata…

E appena c’ aggio a ttaglio ‘o palatone
e ‘o zuco ca… s’’o cchiamma, ve cunfesso
ca i’ nun m’ ‘a perdo certo… ll’ occasione,

pecché so’… scustumato, ma no fesso!
E ca sia piatto, tiella o scafaréa
nce dongo sotto, allicco e mm’ arrecreo!…

2.

Dice: "Ma nun è ffino, nun è bbello
ca 'nu… signore cu 'nu piezzo 'e pane
s' accocchia 'o zuco 'e sott' ê mulignane,
o va aunanno, cu 'na mullechella

ll'urdimi puparuole dint' â tiella…"
Rispongo: "Ma che fósse cchiú 'a crestiano
sciupà 'a grazzia 'e Ddio 'e sott' â tiana
addó à pappiato 'o ppoco 'e curatèlla

o pure 'na lardiata o 'nu zuffritto?…
Ma chi à smammato chesta fessaria?
Chi s' 'à 'nventata, neh… ma chi ll' à scritta?

Justo 'nu ciuccio senza fantasia!
Pecché, si nn' 'o sapite, o cruro o cuotto
'o meglio muorzo è proprio chillo 'e sotto!…"


Traduzione in italiano

la scarpetta
1.
Va bene, non dico di no, son scostumato,
non ho educazione, sì lo ammetto...
ma cosa posso fare?, ad una scarpetta

io non rinuncio nemmeno se sparate!
(Questa abitudine è più forte della mia volontà)e da quando sono nato
ho avuto predilezione per la zuppetta
e fatta con le mani, senza l'ausilio della forchetta
altrimenti verrebbe meno il divertimento dell'inzuppamento...

E appena mi capita nelle mani il pane
e il sugo che lo chiami, vi confesso
che non mi lascio sfuggire l'occasione

giacché sono scostumato, ma non sciocco!
E sia che si tratti di piatto, padella o zuppiera
mi do da fare, lecco e provo piacere!

2.

Mi si potrebbe dire: "Non è fine, non è bello
che un signore, con un pezzo di pane
raduni il sugo delle ultime melanzane,
o vada raccogliendo con una piccola mollica

gli ultimi peperoni dentro una padella..."
Risponderei:"Sarebbe un'azione più da cristiano( id est: un'azione da uomo civile)
sciupare la grazia di Dio del fondo d'una pentola
dove ha sobbollito un poco di interiora

oppure un sugo al lardo o una salsa forte?....
Ma chi ha messo in giro questa sciocchezza?
Chi se l'è inventata?, chi l'ha scritta?

Certamente un asino senza fantasia,
perché - lo dico perchè lo sappiate - o crudo, o cotto
il miglior boccone è quello di sotto!


Racconto inviato da: Raffaele Bracale - Napoli