POESIE - SICILIA
Li scecchi ed Esopu
Componimento del poeta palermitano Giovanni Meli (1740-1815) tratto dalla sua ultima raccolta intitolata "Favuli Morali".
Dialetto: Sicilia

Li scecchi ed Esopu
Dui scecchi cu li coddi incrucicchiati
L'unu raspava all'autru. Nun ci leggi
Lu vulgu nenti chiù chi asinati.
Li guarda Esopu e grida: "Oh testi leggi !
Gran lezioni è chista; profittati:
Lu bisognu reciprocu. Iddu reggi
Tutti li societati e li bilancia,
L'unu raspannu all'autru unni mancia".


Traduzione in italiano

Gli asini ed Esepo
Due asini con i colli intrecciati
L'uno grattava l'altro. Non ci legge
Il volgo null'altro che asinate.
Li guarda Esopo e grida: "Oh menti leggere!
Questo è un grande insegnamento; approfittate:
Il bisogno reciproco. Lui regge
Tutte le società e le bilancia,
L'uno grattando l'altro dove mangia".

Racconto inviato da: Giovanni Meli