POESIE - SICILIA
Li furmículi
Componimento del poeta palermitano Giovanni Meli (1740-1815) tratto dalla sua ultima raccolta intitolata "Favuli Morali".
Dialetto: Sicilia

Li furmículi
Misi l'ali 'na Furmicula,
E sullévasi a momenti
Su li troffi di l'ardícula,
E di l'ervi chiù eminenti.

L'autri a terra rampicannu
Si stuperu a sta vulata;
L'ammiravanu esclamannu:
"Oh chi sorti ! O furtunata !".

E da bravi adulaturi,
Chi unni vídinu appujari
La fortuna, ddà li curi
Vannu tutti ad impiegari,

Cussì chisti, anchi di arrassu,
Cu li ossequi e riverenzi
Affrittavanu lu passu
Pri ottenírinni 'ncumbenzi.

Ma ristaru trizziati,
Chi prescritta avia la sorti
L'ali d'idda e li vulati
Pri preludii di la morti.

Si mai cadi si sfazzuna
Cui sta in cima di la scala;
Li favuri di furtuna
Su' carizzi cu la pala.


Traduzione in italiano

Le formiche
Mise le ali una Formica,
E si solleva a momenti
Sui ciuffi dell'ortica
E delle erbe più eminenti.

Le altre a terra arrampicando
Si stupirono a questa volata;
L'ammiravano esclamando:
"Oh che sorte ! O fortunata !".

E da bravi adolatori,
Che dove vedono che si ferma
La fortuna, là le cure
Tutti vanno ad impiegare,

Così queste, anche da lontano,
Con ossequi e riverenze
Affrettavano il passo
Per ottenerne incombenze.

Ma rimasero ingannate,
Che prescritta avea la sorte
L'ali di lei e le volate
Per preludi della morte.

Se mai cade si fa male
Chi sta in cima della scala;
I favori della fortuna
Sono carezze con la pala.

Racconto inviato da: Giovanni Meli