POESIE - LIGURIA
Appena doppo che-u líè ciuviu

Dialetto: Liguria

Appena doppo che-u líè ciuviu
Appena da poco
lía smisciu de ciêuve:
pe-i munti, in ti campi,
in çê, côse nêuve.

Da-e nivue u sô sbucca
cun brevi sò lampi:
pe-a quiete díinturnu
dà luxe u riturnu.

E-i ciorla i rianetti
tra e lèllue, sciù e prïe,
sciametti de sïe
i sfreccia, fischiando.

Purtroppo mì sulu
sun quellu de prïma,
nisciuna frescua
me ciêuve ciù i in çìma!




Traduzione in italiano

Dopo la fine della pioggia
Appena da poco
ha smesso (=smisciu) di piovere (=ciêuve):
per i monti, per i campi
in cielo, cose nuove.

Il sole esce (=sbocca)attraverso le nuvole (=nivue)
con brevi suoi lampi (=lampi):
per la pace intorno
il ritorno della luce.

E ciarlano (=ciorla) i torrenti
tra líedera, sulle pietre
sciami di zigoli (= sïe ossia uccelli)
sfrecciano fischiando.

Purtroppo io solo
sono quello di prima,
nessuna frescura
mi piove più sopra (=in çima)!

Scritta tra il 15 ed il 16 di gennaio 1955


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua