POESIE - LIGURIA
Prestu sajà invernu

Dialetto: Liguria

Prestu sajà invernu
Gh’è sciù du rianettu
serron tra due miagge
na tenda de fêugge
de fighi: u piccettu
da-e rame fin a-u pussu
da-u pussu fin a-e rame
u porta u sò russu
culettu de ciume:
de sàngue tre stisse
scappâe da-u sò chêu!

E tantu che-u và
e-u vegne, sciguandu,
i cianze da-i fighi,
in po’ chì in po’ là,
de fêugge che-i van
zù in bassu a marçì
tra i schêuggi du rian.

Ben prestu sajà
invernu anche chì.



Traduzione in italiano

Presto sarà inverno
C’è sul torrente
serrato tra due muri (=miagge)
una tenda di foglie
di fico: l’usignolo
dai rami al pozzo
e dal pozzo ai rami
porta il suo rosso
colletto(=culettu) di piume (=ciume):
tre gocce (=stisse) di sangue
scappate (=scappâe) dal suo cuore.
E tanto che và
e ritorna, cinguettando (=sciguandu),
piangono (=cianze) dai fichi,
un poco qui, un poco là
delle foglie (=fêugge) che vanno
giù in basso a marcire (=marçì)
tra le pietre (=schêuggi) del torrente.

Ben presto sarà
inverno anche qui.

Scritta nel dicembre 1947 e rivista nell’agosto del 1952


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua