POESIE - PUGLIA
U mèideche giòvene

Dialetto: Puglia

U mèideche giòvene
Ne mèideche giòvene addemannà
a ne colléghe anziane:
- "De frònde a ne còse
ca nan ze sòpe cè pèsce pegghiò,
cè s'òva fòie?"-
- "Esaggerésce sémbe
e nan te preoccupòie."-
Seccedé ca u giòvene
fò chiamate ad assiste na mèmme
chè avaie parteréie.
Passò n'aure,
pò mmézza scernate
e le paréinde,
che ènzie, aspettavene
ind'a la checéne.
Finalménde s'apré la pòrte
e assé u méideche.
Tutte nzéime l'addemannòrene:
- "Mbè! Còme è scìute?"
- " Male!
U meninne stè pe mbré,
la mèmme stè pèsce,
èmma vedaie
ce salvame u attane!"-

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

Il medico giovane
Un medico giovane domandò
ad un collega anziano:
- "Di fronte ad un caso
del quale non si sa che pesci prendere,
che si deve fare?"-
-"Esagera sempre
e non ti preoccupare."-
Accadde che il giovane
fu chiamato ad assistere una mamma
che doveva partorire.
Passò un'ora,
poi mezza giornata
ed i parenti,
con ansia, aspettavano
in cucina.
Finalmente s'aprì la porta
ed uscì il medico.
Tutti insieme gli chiesero:
-" Allora! Com'è andata?"-
-"Male!
Il bambino sta per morire,
la mamma sta peggio,
dobbiamo vedere
se salviamo il padre!"-



Racconto inviato da: Antonio Palazzo