POESIE - SICILIA
A la bedda di li beddi
Sonetto di Nino Martoglio, famosissimo poeta e giornalista, nato a Belpasso (CT) nel 1870 e morto a Catania nel 1921, tratto dalla sua più famosa raccolta di liriche e sonetti, "Centona".
Dialetto: Sicilia

A la bedda di li beddi
Bedda, cu` fici a tia pinceva finu,
puteva fari scola a Tizianu,
ci travagghiò macari di bulinu
cu la pacenzia di lu franciscanu.

Bedda, cu` fici a tia fu `n Serafinu,
ch`aveva la fattura 'ntra li manu,
ti fici li labbruzza di rubinu
e li capiddi d`ebanu africanu.

Lu pettu ti lu fici palumminu,
li denti janchi e l`occhiu juculanu,
lu nasu privinutu e malantrinu,

nicu lu pedi e séngula la manu...
E doppu ca ti fici, 'st`assassinu,
spizzò la furma e la jittò luntanu !


Traduzione in italiano

Alla bella delle belle
Bella, chi ha fatto te era un fine pittore,
poteva dare lezioni a Tiziano,
ha lavorato anche col bulino
con la pazienza d`un francescano.

Bella, chi ti ha fatto è stato un Serafino,
che aveva l`incantesimo nelle mani,
ti ha creato le piccole labbra di rubino
e i capelli d`ebano africano.

Il petto te lo ha fatto di colomba,
i denti bianchi e l`occhio vivace,
il naso eretto e deciso,

piccolo il piede e affusolata la mano.
E dopo che ti ha fatta, quest`assassino,
ha spezzato la forma e l`ha buttata lontano.

Racconto inviato da: Nino Martoglio