POESIE - CALABRIA
E me nonni

Dialetto: Calabria

E me nonni
Ncesti me nonna sutta o pirgulitu
sittata nti na vecchia seggia i pagghia
esti r’agostu ma na mantella a magghia
avi mintuta supra ru vistitu

me nonnu e’dda vicinu supra un massu
nna randi petra cussapi comm’e dda
cerca e combatti cu na caramedda
ma scarta si contorci e un veru spassu

me nonna ,nnu gumitulu di lana
nu iattu i lato c’ogni tantu ncarizza
ma poi’ cusapi pigghiata i chali stizza
un puntantuni e cerca mmu luntana

me nonnu a caramedda si spicciau
e scafulia tuttu u vistiti ancoddu
e suttasupra tuttu lu vutau
e dici o cazzu chistu e’ veramenti beddu

non trova chiu’ la pipa e lu tabaccu
e cerca mmi faci menti locali
e quantu e’ bberu Diu ca ieu lu spaccu
si ma futtiu rranovu zzi Pascali

me nonna statti calmu tu spirdisti
vva viri chi la rrassasti nta cucina
e bberu e’ docu rimmi ca viristi?
mu porti un caffe friddu ,na tazzina?

tuttu cuntentu mi ssi risetta torna
mi cerca mi la dduma ora cumbatti
zzucandu tutta a faccia sua ssi sforma
esti stuppata pensa e nterra ora la sbatti

caalau u sirinu e’ umida a sirata
si iaza chianu me nonna nfriddulita
nci rici iamu camina ndi curcamu
nnci runa a manu e u iuta chianu chianu.

non ci ssu chiu’ da tantu tempu ormai
non ci ssu’ chiu’ ma ieu ogni tantu i viru
nto me pinzeri li viru spessu sai
e sugnu certu chi iddi u fannu puru.


Traduzione in italiano

Ai miei nonni
C’è mia nonna sotto a un pergolato
seduta su una vecchia sedia di paglia
è agosto ma una mantella di maglia
s’è messa lei sopra il vestito

mio nonno èli vicino sopra un masso
una grande pietra chissà come mai è là
cerca e combatte con una caramella
per scartarla si contorce è un vero spasso

mia nonna, un gomitolo di lana
un gatto di lato che ogni tanto accarezza
ma poi chissà presa da quale stizza
un gran calcione e cerca di allontanarlo

mio nonno la caramella ha finito
si cerca in tutti posti nel vestito addosso
e sottosopra tutto ha rivoltato
e dice cazzo questa è veramente bella

non trova più la pipa ed il tabacco
e cerca di fare mente locale
e dice quanto è vero Dio io lo spacco
se me l'ha fottuto di nuovo Zi Pasquale

mia nonna dai stai calmo che l’hai dimenticato
vai a vedere l’avrai lasciato in cucina
è vero è lì dimmi che l’hai visto?
mi porti un caffè freddo in una tazzina ?

tutto contento a sedersi torna
e per accendere la pipa ora combatte
succhiando tutta la faccia sua si sforma
sara’ intasata pensa e la sbatte per terra

cala la rugiada ed è umida la sera
si alza piano mia nonna infreddolita
gli dice andiamo cammina a coricarci
gli tende la mano e lo aiuta piano piano

non ci son più da tanto tempo ormai
non ci son più ma ogni tanto li vedo
nei miei pensieri li vedo spesso sai
e sono certo loro la fanno pure.


Racconto inviato da: Andrea Sergi