POESIE - CALABRIA
U vermi

Dialetto: Calabria

U vermi
Picculu vermi tu no nenti vali
nci rissi nu cedduzzu su sfuttiva
ddu corpa i beccu , nna sbattuta r’ali
nu rutticeddu mentri u digeriva

non era attentu non si misi amenti
sazziu comm’era non si nd’accurgiu
passava i latu svertu nu serpenti
iaprivu a bucca e si lu futtiu

appesantitu strisciava chianu chianu
ma brutti scherzi faci a panza china
circau mi fui ma ormai tuttu era invanu
bastau na muzzicata ra faina

cu na picchiata ch’era impressionanti
scindiu veloci n’aquila regina
cu beccu apertu l’artigli misi avanti
fici un bucconi ra povera faina

nu cacciatori ca vitti volteggiari
pinsau chi culu ora hai chi mi mi vantu
un corpu sulu e a vitti cariri
felici si ora hai chiddu mi cuntu

ma mentri chi pa casa iddu turnava
un peri misi nfallu iddu e cariu
e inutili a dumanda ora mi spiu
sapiti o cacciatori cu u mangiava?


Traduzione in italiano

Il verme
Piccolo verme tu non vali niente
gli disse un uccellino lo sfotteva
due colpi di becco , una sbattuta d'ali
un rutticello mentre lo digeriva

non era attento non s'era messo in mente
sazio com'era non se n'era accorto,
passando svelto di lato un serpente
aprì la bocca e se lo mangio'

appesantito strisciava piano piano
ma brutti scherzi fa la pancia piena
cerco' di fuggire ma ormai tutto era invano
basto' un morso solo alla faina

con una picchiata che era impressionante
scese veloce un'aquila regina
col becco aperto gli artigli messi avanti
un sol boccone fece della faina

un cacciatore la vide volteggiare
penso' che culo ora si che ho da vantarmi,
un colpo solo e la vide cadere,
felice disse adesso avro' da raccontare

ma mentre che alla casa ritornava
un piede in fallo lui mise e cadde
e inutile ora farvi la domanda
sapete il cacciatore chi infine lo mangiò?

Racconto inviato da: Andrea Sergi