POESIE - SICILIA
Li surci
Componimento del poeta palermitano Giovanni Meli (1740-1815) tratto dalla sua ultima raccolta intitolata "Favuli Morali".
Dialetto: Sicilia

Li surci
Un surciteddu di testa sbintata
avia pigghiatu la via di l`acitu
e facìa `na vita scialacquata
cu l`amiciuna di lu so partitu.

Lu ziu circau tirarlu a bona strata,
ma zappau all`acqua pirchì era attrivítu
e di chiù la saimi avia liccata
di taverni e di zàgati peritu.

Finalmenti Mucidda fici luca,
iddu grida: Ziu!-Ziu! cu dogghia interna;
sò ziu pri lu rammaricu si suca;

poi dici: "Lu to casu mi costerna,
ma ora mi cerchi? chiaccu chi t`affuca!
Scutta pi quannu isti a la taverna!"


Traduzione in italiano

I topi
Un topolino sventato
aveva intrapreso la via della corruzione
e conduceva una vita disordinata
con i cattivi compagni della sua risma.

Lo zio cercò di riportarlo sulla giusta strada,
ma zappò nell`acqua perché era temerario
e per di più aveva assaggiato la sugna,
esperto com`era di taverne e di botteghe di pizzicagnoli.

Alla fine la gattina fece colpo,
egli grida: Zio! Zio! con interno dolore.
Lo zio per il dispiacere tira indietro il fiato,
poi gli dice: "Il tuo caso mi addolora,
ma ora mi cerchi? Cappio che ti strozzi!
paga per quando sei andato alla taverna!".

Racconto inviato da: Giovanni Meli