POESIE - PIEMONTE
La Lofa
Dialetto di Gozzano (Novara)
Dialetto: Piemonte

La Lofa
Lingéra cumè un fià,
lingéra cumè un suspir,
la lòfa la vola a mézíàutöza
la lòfa sa spantìga in gir.

Sídispèrd intórn par la cà,
la pà-sa suta al naas,
tücc fön finta at gnénti,
inzün al fiàda, tütt al taas.

Líè mia pròpi un prufum,
líè mia acua díudoor.
Pusè che díaut líè na spuza,
sípòl mia nàsala cumè un fioor.

Sísavrà mai chi líè cílè stàcc,
sísavrà mai chi lè cùl cíla mulà.
Tücc pénsan líè cùst líè cùl,
ma vün, péna dumà vün lu sà.

Intont vün al varda in sü vér al plafon,
níàut síloga al grupp dala crùvata,
chi tacà la finèstra al varda fòra di védar,
chi invéci al fà finta at gnénti e sígrata la cülata.

La lòfa, silinziosa cùm líè gnua la svaniss,
la scia la va dré furnii intönt cíla vola.
Tiran tucc al fià, líè nàcia, càscian un suspir.
La lòfa in mia bàli; ogni vün ag pìaas la sova.



Traduzione in italiano

La Puzzetta
Leggera come un alito,
leggera come un sospiro,
la puzzetta veleggia a mezzíaria,
la puzzetta si effonde díattorno.

Si disperde tra le mura di casa,
volteggiando silente sotto le nari,
i presenti fingono di eluderla,
tutto tace, nessuno profferisce parola.

Non è ciò che dicesi profumo,
tanto meno è acqua di toeletta.
Altro non è che un lezzo,
Non annusasi come un fiore.

Non sarà mai dato di sapere chi è stato,
mai si saprà a chi è sfuggita.
Tutti si lambiccano; forse è questo, forse quello,
ma chiaramente uno solo, uno soltanto, lo saprà.

Nel mentre chi guarda in alto verso il soffitto,
altri si accomoda il nodo della cravatta,
chi appresso la finestra scruta oltre i vetri,
chi invece indifferente si stropiccia le terga.

La puzzetta, silenziosa come è venuta và a svanire,
líeffluvio nel suo lento veleggiare si và esaurendo.
Tutti si distendono, è passata, emettendo un sospiro.
La puzzetta invero; ad ognuno aggrada la sua.


Racconto inviato da: Carlo Bacchetta