RACCONTI - PIEMONTE
Al màtt ritruvà
La parabola del figliol prodigo è un po' la palestra di chi vuole cimentarsi nel dialetto. Anch'io ho provato nel dialetto di Gozzano.
Dialetto: Piemonte

Al màtt ritruvà
Un òm al ghéva düi matài.
Al püsè sgióvan di düi un dì gà dicc tacà al sö pà: « pà, dam sübit la paart déredità ca ma spècia. »
Inóra al pà là sparti la ròba tra i düi matài.
Un cuài di dòpu al püsè sgióvan di matài, l à tirà visin i söv ròbi, l à fàcc sü l fagòt cùm tüt cùl cal ghéva
e l è nàcc in d un paés luntön, indùva la fàcc fòra tüt, cùm na vita dispindiósa.
Dopu clà mangià fòra tüt, in da cùl paés ghè gnü na grön caristia. Lüi là cùmancià trùvaas in dal bisögn.
Lè nàcc inóra in da vün da cùli parti e sé bütà dré a lavraa par lüi. Cùl là la mandà fòra in di cömp a pascùlaa i purscéi.
Lüi al ghéva na grön fàm e lavrés mangià önca i carübi chi mangiavan i purscéi, ma inzün gan dava.
Gnü in santör, la pinsà sü un pò e sè dicc: « tücc cüi chi lavóran par al me pà, gön da mangiaa in abundönza, mi invéci súm scià chi mòri dla fam! » Vöi piü sta chi, vöi turnandré in dal mé pà e vöi digh:
« pà, mi ò pùcà cuntra al Signór e d inögn da tì, meriti gnönca piü da vèsa ciamà tö fiöl. Tràtam cùmè vün di töi sarvitoo.»
Lè gnü dùnca via da cùl siid là, e l è turnàndrè in dal sö pà.
Léva ncora luntön, che al pà léva già vist cal rivàva e gà bijü cumpàsión. Ghè nàcc incuntra, gà bütà i bré-sc intorn al cöl, làmbràscià sü e la basà.
Al màt gà dicc: « pà mi ò pucà cuntra al Signór e dinögn da ti, meriti gnönca più da vèsa ciamà tö fiöl .»
Al pà inóra gà dicc tacà i söi sarvitoo, « sü dunca, fì mprèsa, purtè scià la müda püsè béla e fègla büta sü, dèg na mön a maniis, infilègh lanél in dal did, e i sandali in di péi.»
Pöi, minè fòra al vidél püsè gràss e mazèl. Fuma fèsta, mangiùma e stùma alégar, dal mumént che stù màtt léva mört e lè gnü in vita, léva pardù e lè stàcc ritruvà.» E sin bütè dré a fa sü un grön fistón.
Làut màtt, al prüm di düi fradéi léva fòra in di cömp. In tracùla cal gnéva ndrè, cönd lè bögn stàcc rénta cà, là sintù chi sùnàvan e chi balàvan. Là ciamà vün di sarvitoo e gà dumandà cùs vuréva di tüt cùl muvimént. Al sarvitoo gà rispundù: «ghè gnù cà al tö fradél e al tö pà là fàcc mazaa al vidél püsè gràss, parchè là ritruvà al sö màtt sön e salvà.»
Stàut lè gnü rabià e là mia vurü na dént in cà. Inora ghè gnü fòra al sö pà, par pusàl a na dént. Ma lüi gà rispundù: «pà, mi l è tönci àgn chi ta fàg da sarvitoo, t ò sémpra dàcc da mént, ò sémpra fàcc cùl che ti mè dicc, epüra, ti mè mai dàcc gnönca un cravin, par fa festa cùm i mèi amiis.
Dèss che staut tö mat lè turna ndré, dopu clà mangià fòra la tö roba cùm i plòzi , par lüi t è fàcc mazà al vidél püsè gràss.»
E l pà gà rispundü:« nin, ti, ti sé sémpra chi cùm mi, e tüt cùl cl è me lè önca tö. Dèss sdév fa fèsta e sta sü alégar, parchè al tö fradél, léva mört e lè turnà in vita, léva pardù e lùma ritrùvà.



Traduzione in italiano

La parabola del figliol prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Racconto inviato da: Carlo Bacchetta