POESIE - PIEMONTE
La mé maèstra
Dopo oltre cinquant'anni ancora vivo e bello è il ricordo della mia maestra. A lei dedico questo scritto.
Dialetto: Piemonte

La mé maèstra
Cönd nàvi scòla, la mé maestra léva la Santalucia;
che, dicia tra da nüi, léva pròpi na grön bèla manìa.
Ncora dèss clè nòna e clà gà piü vintàgn,
lè ncóra in piòta, smöja che par léi in mia pàsè iàgn.
Léva pròpi brava, la ghéva tönta da cùla pascénza.
Nüi sévan mia pròpi angiulìt, ma lei léva sémpra sùridénta.
n vusàva mai dré, la séva faa cùm nüi pisnitt,
pusè duna maestra, léva cùmè na crùch cùm i söi pùlzitt.
La capiva cönd sévan strèch, cönd léva l mùmént da fàrmaa,
n cüntava sü na stòria, o n minava fòra n la córt a giùgaa.
G piàsévan tönt i fiori e cönd gnéva la primavera,
al dòp misdì, dént par dént n minàva la funtöna Sönta o lAvièra,
a càtaa primàvéri, cùaröntamèsg, fiori t sönt Giüsèp, viòli e gàlit,
pöi a scòla, ai piantàvan in di bürdüri oi bütàvan bàgn in di vasit.
Cùm léi uma imparà lèsgia e scriva, fa i cünt e disignaa,
nà pùrtè fin in térza, pöi, cùm un maèstar ùma dùvü cambiaa.
Cùm léi uma pasà tri àgn, béi; ma béi par da bón.
Grazie, maestra Santalucia, din fúnd dal còr e cùm un pòt magón.



Traduzione in italiano

La mia maestra
Quando andavo a scuola, la mia maestra era la Santalucia, che detto tra noi era proprio una bella donna. Ancora oggi che è nonna e non ha più ven'anni è ancora in forma, sembra che per lei gli anni non siano passati.
Era proprio brava, aveva molta pazienza
Noi non eravamo certo degli angioletti, ma lei era sempre sorridente, non ci sgridava mai, sapeva come fare con noi piccoli.
Più che una maestra era come una chioccia con i suoi pulcini.
Capiva quando eravamo stanchi, quando era il momento di staccare,
ci raccontava una storia, o ci portava fuori in cortile a giocare.
gli piacevano molto i fiori e quando arrivava la primavera, al pomeriggio ogni tanto ci portava alla fontana Santa o all'Aviera, a raccogliere primule, narcisi, fiori di san Giuseppe,viole e galletti che poi a scuola mettevamo nelle aiuole o a bagno nei vasetti.
con lei abbiamo imparato a leggere, a scrivere, fare i calcoli e disegnare.
ci ha portati fino alla terza, poi abbiamo dovuto cambiare con un maestro.
con lei abbiamo trascorso tre anni belli, ma belli davvero.
Grazie maestra Santalucia, dal fondo del cuore e con un pò di commozione

Racconto inviato da: Carlo Bacchetta