POESIE - PIEMONTE
Parchè propi pàr Nadàl

Dialetto: Piemonte

Parchè propi pàr Nadàl
Léva al dit Nadàl, cönd ti mè piantà.
Che giurnaa. Fin in fùnd al cor ti mè sgilà.
Tücc évan alégar, cùntént, al caud , in cùmpàgnia,
e mi disprà, sönza al tö càlòr, da par mi, cùmè na spia.
I mögn düi tòich at già-sc in divantai. Önca al naas e iurögi,
sautàvan via, dùmà vardài, tönt chi évan frögi.
Pàrluma mia di péi, sgilè cùmèn bùrdón.
Ti mè pròpi ruvinà la giurnaa, ti mè fàcc staa da cön.
Ma cù-s tè mai gnü in mént, parchè pròpi par Nadàl,
ti pùdevi mia faam càpi, ti pùdevi daam un signàl.
Til sé bögn inca ti, bastard dun brüsàdór,
che trùva nidràulic al di t Nadàl, lè cùmè trùvà n tisòòr.

Dialetto di Gozzano (NO)


Traduzione in italiano

Perchè proprio a Natale
Era il giorno di Natale, quando mi hai lasciato.
Che giornata. fino in fondo al cuore mi hai gelato.
Tutti erano allegri, contenti, al caldo, in compagnia,
e io disperato, senza il tuo calore solo come una spia.
le mani due pezzi di ghiaccio sono diventate. Anche il naso e le orecchie si staccavano solo a guardarle, tanto erano fredde.
Non parliamo dei piedi, gelati come una rapa.
Mi hai proprio rovinato la giornata, mi hai fatto sentire come un cane.
Ma cosa ti è venuto in mente, perchè proprio a Natale, potevi darrmi un avvertimento.
Lo sai bene anche tu, bastardo di un bruciatore,
che trovare un'idraulico il giorno di Natale, è come trovare un tesoro.

Racconto inviato da: Carlo Bacchetta