RACCONTI - SARDEGNA
Baddadori e Frummigula Capirruja

Dialetto: Sardegna

Baddadori e Frummigula Capirruja
Umbè d’anni fa, a li tempi chi li baddadori andaggjìani a baddà a pedi o a cabaddu o a caadd’a l’asinu e in botti grossi buddittati e untati a ozu seu, in una sala di baddu d’una cussoggja di La Gaddura cumbinesi chistu fattu curiosu.
Lu patronu pà pruà la nuitai a lu postu di lu sonadori di sunettu, tanti chiti primma di Carrasciali, arrighesi da Bologna un grammofono.
Ma a lu primma baddatoggju, candu li chi v’erani erani illu meddu baddà, a dugna baddu ( lu grammofono) fazìa un cìulu e mandaa li dischi fora gjri e li baddadori fora passu.
Da chi si sò isviluti di la trizina in mez’a iddi v’era un ziraccu pastori ‘in trantali’ chi vulìa piddà capu palchì fazìa cussì e lu scupalcesi pal vidé cos’aìa.
E agattesi lestru lu muttìu : in drentu s’aìa fattu la tana la frummigula capirruja e tandu l’ha cavaccatu subitu lu cupalciu.
Ma dapoi d’una stunda ch’ erani torra baddendi, infadati da la musica e da la “casa scupalciata” li frummiguli a migliaia si desin’a iscì avvittiati e a coda incriccata e si spaglisini pà tutta la sala !
E cuminzesin’a appizzigassi a li ’istiri di l’omini e a l’alchili di li femini ‘in faldetta longa’ e a mussigà. E undi mussigaani lagaani li sciàcchiti innant’a la peddi.
E cussì in pressa ’n pressa li baddadori spunisini di baddà a zi ‘scisini fora pà scuzzulassi li ‘istiri barrii di frummigula capirruja.
E di chistu fattu ni faiddesi puru la stampa manna!



Traduzione in italiano

Ballerini e Formiche dalla Testa Rossa
Molti anni fa, ai tempi che i ballerini andavano a piedi o a cavallo o in groppa all’asino e con le scarpe grosse chiodate e unte con sego, in una sala da ballo di una contrada della Gallura successe questo fatto curioso.
Il padrone per provare la novità al posto del suonatore di organetto, alcune settimane prima di Carnevale, portò da Bologna un grammofono.
Ma alla prima serata di ballo quando quelli che erano presenti erano nel momento più bello della danza, a ogni ballo ( il grammofono) faceva un cigolìo e mandava i dischi fuori giri e i ballerini fuori passo.
Dopo che si erano stufati di quello scricchiolio fra loro vi era un servo pastore con le scarpe grosse che voleva capire perché facesse così e lo scoperchiò per vedere cosa aveva.
E trovò subito la causa: dentro si era fatta la tana la formica dalla testa rossa e allora rimise subito sopra il coperchio.
Ma dopo un certo lasso di tempo che erano tornati a ballare, disturbate dalla musica e dalla “casa scoperchiata”, le formiche a migliaia uscirono incollerite con la coda ritta e si sparsero per tutta la sala!
E cominciarono ad appiccicarsi ai vestiti degli uomini e alle gambe delle donne in ‘gonna lunga’ e a morsicare. E dove mordicchiavano lasciavano macchie rosse sulla pelle.
E così in tutta fretta i ballerini smisero di ballare e uscirono fuori per scrollarsi i vestiti pieni di formiche dalla testa rossa.
E di questo fatto ne parlò pure la grande stampa !


Racconto inviato da: Lucio Pirodda