POESIE - PIEMONTE
Malincunia
Un ricordo degli anni passati, che non torneranno più. Dialetto di Gozzano (NO)
Dialetto: Piemonte

Malincunia
Ogni tönt lè bél rigurdaa al témp pasà, al témp che ormai lè nàcc via.
Di vòlti però, ti vè giü at muràl, at vögn döss önca na grön malincunia.
Malincunia par cüi vintàgn chin piü dumà un sögn, un rigòrd, chin pasè.
Malincunia par cüi vintàgn insì da luntön e che dèss purtröp in triplichè.
Malincunia par i béi mumént pasè, cönd tè truvà na matàsciöta, na mània,
o da cönd ti ghè mia bijü al curàcc da faat vanti e nàut tlà züfaa, tlà purta via.
Malincunia par cüi batacoor, par cüi giroogn da testa, par cùli mögn südai,
par i puntèi, par un cùai ciò, iàmisi bütai suta, i scüsi invantai.
Malincunia par i giöog, i schèrz, par tüti i scimai, i balusai fàci cùm i töi amiis,
par tücc cüi béi mumént, pasè in cumpagnia, sönza fastidi, pasè a divartiis.
Malincunia par tüti cùli ròbi che ti avrési vurü faa e che invéci tè mia fàcc.
Malincunia e ràbia, parchè dèss lè tard, lè tröpp tard e al témp lè nàcc.
Malincunia e nustalgia par cùli paroli che ti avrési vurü dii e invéci tè mai dìcc;
dèss ti pénsi la ciùla che ti sè stàcc, cuus tè pèrs a staa citu, pòvar burich.
Malincunia e tristoza par cùl che ti avrési pudü daa, e che invéci tè mai dàcc,
na mön, na caröza, un bàsin, na bóna paròla, nàiüt, ma tè mai truvà al curàcc.
Malincunia, tristöza, nustàlgia par un témp nàcc, un témp cal vögn indré piü.
Cùl clè stàcc lè stàcc, magona piü. Viv bögn cùl cat rèsta e pénsaag piü.



Traduzione in italiano

Malinconia
Ogni tanto è bello ricordare il tempo passato,
il tempo che oramai è andato via.
A volte però vai giù di morale, ti viene addosso una grande malinconia.
Malinconia per quei venti anni che sono solamente un sogno, un ricordo, che sono passati.
Malinconia per quei venti anni così lontani e che adesso sono triplicati.
Malinconia per i bei momenti passati, quando hai trovato la ragazzina, la fidanzatina o di quando non hai avuto il coraggio di farti avanti e un'altro te la portata via.
Malinconia per quei batticuore, per quei capogiri, per quelle mani sudate, per gli appuntamenti, per qualche fregatura, l'aiuto delle amiche, le scuse inventate.
Malinconia per i giochi, gli scherzi, per tutte le scemate, le balordaggini fatte con i toui amici, per tutti i bei momenti passati in compagnia a divertirsi.
Malinconia per tutte quelle cose che avresti voluto fare e che invece non hai mai fatto.
Malinconia e rabbia perchè adesso è tardi, troppo tardi e il tempo se nè andato.
Malinconia e nostalgia per quelle parole che avresti voluto dire e che invece non hai mai detto; adesso pensi il coglione che sei stato, cosa hai perso a stare zitto povero somaro.
Malinconia e tristezza per quello che avresti potuto dare e che invece non hai mai dato; una mano, una carezza,un bacio, una buona parola, un'aiuto, ma non hai mai trovato il coraggio.
Malinconia e tristezza, nostalgia per un tempo andato, un tempo che non tornerà più.
Quello che è stato è stato, non rimuginare più.
Vivi bene il tempo che ti rimane e non pensare più.

Racconto inviato da: Carlo Bacchetta