POESIE - PIEMONTE
BÈLA MATÀSCINA
A te che sei andata avanti. Dialetto di Gozzano (NO)
Dialetto: Piemonte

BÈLA MATÀSCINA
Ti ghévi vündas àgn,
ti séviíncóra na matàscina.
Ti giùgavi cùm la pòpa,
pérò ti sévi già bilìna.

Ti ghévi sü un sùchin,
i ginöcc un poí pilè.
Ti ghévi sü dóv crusti,
süi bùcit ti iíévi bulè.

Ti ghévi i zùclit in di péi,
cauzöti biönchi chi nàvan giü,
nàvan giü mòli süi cavìgi,
i lèstich sévan lasècc, tignévan piü.

In di cavì, un nàstar at vilü, blö,
in la schèlvia dóv mulöti,
un càmisin stréncc, cíal tirava,
évan dré spùntaat i töti.

Ma cùl che püsè mè ristàcc in la mént,
e che da tiím fà rigùrdaa,
líèíl prufüm che ti ghévi süi barléfi;
prufüm at pön, bütér e màrmilaa.

Prufüm chi ò sintü la prüma vòlta,
chi tíò dàcc un bàsin, inucént,
là, suta cùl purtón, trà lüs e scür,
cùm na póra màta ca rivàss sgént.



Traduzione in italiano

BELLA RAGAZZINA
Avevi undici anni,
eri ancora una bambina.
Giocavi ancora con la bambola
però eri già bellina.

Avevi una gonnellina,
le ginocchia un po' spellate.
Avevi su due croste,
sui ciotoli ti eri sbucciata.

Avevi gli zoccoletti ai piedi,
le calze bianche ti cadevano,
scendevano molli fino alle caviglie,
gli elastici si erano rilasciati.

Nei capelli un nastro di velluto, blu,
nella scriminatura due fermagli,
una camicettina stretta, un pò tirata,
ti stavano spuntando i seni.

Ma quello che più mi è rimasto nella mente, e che di te mi fa ricordare,
è il profumo che avevi sulle labbra;
profumo di pane, burro e marmellata.

Profumo che ho sentito la prima volta,
che ti ho dato un bacio, innocente,
là, sotto a quel portone, nella penombra, con la paura matta che arrivasse gente.

Racconto inviato da: Carlo Bacchetta