POESIE - PIEMONTE
RUSGIA SÜCIA
Sücina istà düimilasées: Siccità estate 2006. La tristezza nel vedere una roggia senza acqua. Dialetto di Gozzano (NO)
Dialetto: Piemonte

RUSGIA SÜCIA
Rusgia sücia, rusgia sönzàcua;
che tristöza.
Rusgia sönzàcua cla cóór,
tè pardü lo tö bilöza.
Rusgia sücia, ti lavi piü i pàgn,
i matài ménan piü iòchi fal bàgn.
Rusgia sönza vita, tig dè piü da béva i rimài,
ti pòdi piü gnönca bagnaa i prai.
Rusgia morta, ti sé müta,
ti cönti piü, cùm ti sé mai brüta.
In méz i sès, un témp, ti sàutavi,
ti fàvi al mulinèl, alégra ti giugavi.
Rusgia sönza ranaböiz, sönza pös,
dès ti ma smöji un sàntél, un fòs.
Dès sautan fòra sachit,
plastica, butègli ruti, scurbit,
tòli e strè-sc, cupartógn,
che i solit cùjoogn,
sàguitan a spantigaa.
Ön mia capì cal ghè la diferenziaa.
Rusgia söca, na bèla roba g sarés da faa;
prufitaa da sta sücina, e daat na bèla spazaa,
par vögat da bél növ, córa e sàutaa,
pina dacua frösca, pulìda, mia incuinaa.



Traduzione in italiano

ROGGIA ASCIUTTA
Roggia asciutta, roggia senz'acqua;
che tristezza.
Roggia senza acqua che corre,
hai perso la tua bellezza.
Roggia asciutta, non lavi più i panni,
i ragazzi non portano più le oche a fare il bagno.
Roggia senza vita, non dai più da bere agli animali,
non puoi più neanche bagnare i prati.
Roggia morta, sei muta, non canti più, come sei brutta.
In mezzo ai sassi, un tempo saltavi,facevi i mulinelli, giocavi allegra.
Roggia senza girini, senza pesci, adesso assomigli ad un sentiero, un fosso.
Adesso saltano fuori sacchetti di plastica, bottiglie rotte, contenitori,
lattine e stracci, copertoni, che i soliti coglioni continuano a seminare.
Ancora non hanno capito che c'è la differenziata.
Roggia asciutta, ci sarebbe una bella cosa da fare: approfittare di questa siccità e darti una bella ripulita, per vederti di nuovo correre e saltare, piena d'acqua fresca, pulita, non incuinata.


Racconto inviato da: Carlo Bacchetta