POESIE - CALABRIA
L'euru
Sonetto del poeta cauloniese Giovanni Di Landro su come sia cambiato il modo di vivere dopo l'entrata in vigore della moneta unica e su come si potrebbe rimediare...
Dialetto: Calabria

L'euru
E mò parràmu i sordi e non scherzamu,
cà mò ndavìmu l'euru, no cchjù a lira,
e si a matina jamu u ndi pagàmu,
finìmu i sordi già prima da' sira;

na vota on arrescìamu u m'i cuntamu,
mò inveci si accattamu quattru pira
ndavìmu u portafogghju u sbacantamu
e i debbiti ndi fannu a testa u gira;

mò chi c'è l'euru nudu cuntu torna,
quandu finisci u misi nenti resta,
ndavìmu u lavuramu tutti i jorna

e non potìmu fari nuda festa.
Ma sarrìa megghju u nci ruppìmu i corna
a tuttu u parlamentu e o capu in testa!


Traduzione in italiano

L'euro
Adesso parliamo di soldi e non scherziamo,
perché adesso abbiamo l'euro, non più la lira,
e se la mattina andiamo a prendere lo stipendio
i soldi finiscono già prima che arrivi la sera;

una volta non riuscivamo a contarli,
ora invece se andiamo a comprare quattro pere
dobbiamo svuotare tutto il portafoglio
e i debiti ci fanno girare la testa;

ora che c'è l'euro non si capisce più niente,
quando finisce il mese non restano più soldi,
dobbiamo lavorare tutti i giorni

e non possiamo più andare a divertirci.
Ma sarebbe meglio rompere la testa
a tutti coloro che stanno in parlamento, e il capo per primo!

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro