POESIE - CALABRIA
Nu numeru ndi poti giudicari?
Poesia del poeta cauloniese Giovanni Di Landro che riflette su alcuni metodi usati nelle scuole.
Dialetto: Calabria

Nu numeru ndi poti giudicari?
E vogghju u fazzu mò na riflessioni:
A scola è fatta certu pe' 'mparari,
non vogghju pemmu u fazzu discussioni,
però si potarrìamu raggiunari,

non esti certu l'interrogazioni
chi ndavarrìa mu servi a valutari
l'intelligenza ed a preparazioni,
nu numeru ndi poti giudicari?

Oppuru è a vita chi ndi testa tutti!?
A vita non quantifica i persuni
e di numeri a vita si nda futti,

a vita poi è chi faci i distinzioni,
non vaji avanti cui si nda strafutti,
ma cui dimustra serietà e passioni.


Traduzione in italiano

Un numero ci può giudicare?
E adesso voglio fare una riflessione:
la scuola è fatta certo per imparare,
non voglio fare discussioni,
però se iniziassimo a ragionare,

non può essere certo l'interrogazione
che dovrebbe servire a valutare
l'intelligenza e la preparazione,
un numero ci può giudicare?

Oppure è la vita che ci testa tutti!?
La vita non quantifica le persone
e dei numeri la vita se ne frega,

è la vita che poi fa le dovute distinzioni,
non va avanti chi si dimostra un buono a nulla,
ma chi dimostra serietà e passione.

Racconto inviato da: Giovanni Di Landro