POESIE - CALABRIA
U tàcitu assensu
Poesia del poeta Orazio Raffaele Di Landro, dall'antologia "Maree", ed. Pagine anno 2003, pag 161; considerazioni ironiche sulla donazione degli organi.
Dialetto: Calabria

U tàcitu assensu
Ma chista leggi du tàcitu assensu
pemmu u ndi dichiaràmu "donatori
d'organi", i mia non ndavi mai u consensu,
pecchì cui duna ndàvi prima u mori;

e allura eu tremu quantu ca nci pensu.
Pensati u ndavarrìa mu dugnu u cori?
E' leggi senza gnìgnaru né sensu,
fatta da guidaturi di trattori.

Si pò mai ragiunàri adaccussì?
Cca non si tratta di barva o mustazzu:
Reni,ficatu,e cori; o cchjù i sti trì!

Nu vivu pò dunàri u cori o u vrazzu?
Perciò cui rispundendu dici "sì",
non spera mai mu ndavi u duna un cazzu!


Traduzione in italiano

Il silenzio assenso
Ma questa legge del silenzio assenso
affinchè ci dichiariamo "donatori
d'organi",non avrà mai il mio consenso,
perchè chi dona gli organi deve prima morire;

e allora io tremo solo al pensiero.
Pensate se dovessi donare il cuore?
E' una legge senza logica e senza senso,
fatta da gente incolta ed ignorante.

Si può mai ragionare così?
Qui non si tratta di donare la barba o i baffi:
Ma di reni, fegato, e cuore; o anche più di questi tre organi!

Un vivo può donare il cuore o il braccio?
Perciò chi rispondendo dice "si",
spera sempre di non dover donare nulla!

Racconto inviato da: Orazio Raffaele Di Landro