RACCONTI - LIGURIA
Novembre, tempo de tordi, frisciêu e preboggion
Novembre in Liguria - tanto tempo fa'.
Dialetto: Liguria

Novembre, tempo de tordi, frisciêu e preboggion
ä seia di Santi in Lìguria (Zuagi), quand'eu figgiêu, s' ûsâva aççende i lûmin pe-i morti e mangiâ i Friscêu de pan co-o preboggion condio con quell'êuio profûmmou co saveiva tanto de primaveia.
ä mattinna doppo, primma do nasce do sô, con amixi e parenti, da-o paise s'anava pë i sentê da collinnha fin'n sciö "Passo" ... l'ëa o tempo di tordi.

In anno quand'eo za in zuenotto, m'arregordo che:
L'ea ancun notte e con o scciêuppo in spalla e o vento ch'o te frizze e oëgie se icaminemmo con poè e amixi, da-o paise scu pe-i sentè che portan a-o Passo do monte Anchetta, arrivou la in çimma sciortendo da-o bosco, son arestou sensa scíôu, a lûnn-a a l'aveiva acceiso e luxi in-sce-in quaddro de Wan Gog:
i cö se mesccian: o giano pennella i bleu che cangian de intensitæ da o scûo di monti a-o cieo do ce,

Portufin co-i lûmmi de contorno o s'acquatta e o s'ascunde in meso au mâ pe no fase acciappâ da-o giorno,

l'oco o scigua a so tristessa,
o tordo zirla e o te passa vixin sensa date u tempo de amialo,

l'orpe da distante a t'amia e nt'i êuggi se ghe reflette a lûnn-a.

Tutto pâ fermo, pâ che ninte possa cangiâ,

L' äia a fa fadiga a intrâ inti polmoin ... anche lö çercan de arestâ fermi pë no mesciâ o quaddro.

Questa emosion a l'è arestâ drento o mae cheu comme in quaddro appeiso a miagia da stansa da mae vitta....
e quando i oggi da memöia passan de la o quaddro te fa vedde ancun quando tei zueno e ......

Ma o tempo o no se ferma, cian cianin, a despëto de l’ incanteximo do momento i bleu comensan a sfûmmâ...

Nove tinte aggrediscian o quaddro....

I cö de l’arba cangian i bleu in tinte rosa dai vari accenti e i contrasti se fan sempre ciù intensi . . .

L’è comme nasce n’atra votta: novi cö, novi profûmmi, nove speranse . . .

Improvvismente in córpo de scciêuppo amorta o quaddro. . .

o passo di tordi o l'è comensou.
_________________________________

Da: www.preboggion.it


Traduzione in italiano

Novembre, tempo di tordi, frittelle e preboggion
Alla sera dei santi in Liguria (Zoagli), quando ero ragazzo, s'usava accendere i lumini per i morti, e mangiare frittelle di pane con il "Preboggion" condito con quell'olio profumato che sapeva tanto di primavera.
La mattina dopo, prima del nascere del sole, con amici e parenti, dal paese si andava per i sentieri della collina sino sul "Passo" ... era il tempo dei tordi.

Un anno quando ero già giovanotto, mi ricordo che:

Era ancora notte e con il fucile in spalla ed il vento che ti frigge le orecchie ci incamminiamo con padre e amici, dal paese su per i sentieri che portano sul Passo del monte Anchetta, arrivato in cima uscendo dal bosco, sono rimasto senza fiato, la luna aveva acceso le luci su di un quadro di Wan Gog:

i colori si mescolano: il giallo pennella i blu, che cambiano di intensità, dallo scuro dei monti al chiaro del cielo.

Portofino con i lumi di contorno si accuccia e si nasconde in mezzo al mare per non farsi prendere dal giorno,

il gufo fischia la sua tristezza,

il tordo zirla e ti passa vicino senza darti il tempo di guardarlo,

la volpe da lontano ti guarda e negli occhi ci si riflette la luna.

Tutto sembra fermo, sembra che niente possa cambiare.

L'aria fa fatica ad entrare nei polmoni ... anche loro cercano di restare fermi per non muovere il quadro.

Questa emozione è rimasta dentro al mio cuore come un quadro appeso al muro della stanza della mia vita.....
e quando gli occhi della memoria passano di la il quadro ti fa vedere ancora quando eri giovane e .....


Ma il tempo non si ferma, piano piano, a dispetto dell’ incantesimo del momento, i blu cominciano a sfumare...

Nuove tinte aggrediscono il quadro...

I colori dell’alba cambiano i blu in tinte rosa dai vari accenti ed i contrasti si fanno sempre più intensi...

È come nascere un’altra volta: nuovi colori, nuovi profumi, nuove speranze. . .

Improvvisamente un colpo di fucile spegne il quadro. . .

il passo dei tordi è cominciato.
________________________________

Da: www.preboggion.it

Racconto inviato da: Andrea Solari