POESIE - CAMPANIA
Cche tiatre ‘a vita!
Sul palcoscenico della vita i sentimenti veri, la lealtà, la generosità, l'amore verso gli altri, l'amicizia dovrebbero essere al centro della scena. Ma è sempre così?
Dialetto: Campania

Cche tiatre ‘a vita!
Che meraviglia!
‘Ncopp’â nu parcosceneco ‘e ligname,
i tiatrante
addeventeno i mastrisse d’’o munno
cagneno voce faccia custume personagge
viveno ati tiempe, smicciano, canteno,
abballeno, fanno apparata
dî mancanze, i vizi, i scuonceche,
ma pure dî pregge,
i sentimente da’ natura umana.

Chello ca però me leva ‘o suonno
è ’a cummedia, ‘a farsa ca tante ‘e nuje
fanno cu sciurdezza e faccia d’angelo
penzanno, nel bene e nel male,
‘e putè cuffià l’intera umanità.

Ah, si putesse levà surtanto ’na vota
‘a maschera
a chi, sotto all’aria pulita e unesta,
annasconne nu core tristo e ‘nfame,
a chi, sotto a chella scorza ‘e finta
presumenzia,
è sulo ‘nu povero cristo ncroce
o a chi, sotto â lacreme lucente,
’nvece se la ride e se la spassa
alla faccia nosta.
Cche tiatre ‘a vita!



Traduzione in italiano

Che teatro la vita!
Che meraviglia!
Su un palcoscenico di legname,
gli attori/comandano il mondo
cambiano voce aspetto abbigliamento personaggi
vivono altri tempi, sbirciano, squadrano, cantano,
ballano, presentano
e manchevolezze, i difetti, gli sconci, ma anche
i pregi, i sentimenti dell’essenza umana.

Ciò che però mi sconvolge e mi toglie il sonno
è la commedia, la farsa che tanti di noi
fanno con disinvoltura e apparente innocenza
pensando, nel bene e nel male,
di poter imbrogliare l’intera umanità.

Ah, se potessi togliere soltanto una volta
la maschera
a chi, sotto un aspetto pulito e onesto
nasconde un cuore malvagio e infame,
a chi, sotto quella scorza di finta
presunzione
è solo un povero cristo in croce
o a chi, sotto lacrime lucenti,
invece se la ride e se la spassa
alla faccia nostra.
Che teatro la vita!


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio