POESIE - CAMPANIA
Paura
Se la paura della vita entra dentro di noi è facile sprofondare nella disperazione. Ma se pensiamo alla vita proprio come si pensa ad un amante impaziente e tenero, il sorriso ci accompagnerà in ogni momento, anche in quelli più difficili.
Dialetto: Campania

Paura
Te trase dint’ô core.
Comm’â nu mastrillo,
te stregne te cunzuma te struje
te scamazza.
E, currenno currènno, te votta
int’ô sprufunno cchiù funno.

Pirciò, nun farte piglià a mano
da stu schianto
e, cu santa pacienzia, amabbilmente,
chianu chianu
alleggeriscelo ‘o core, scarfàllo
e fatte cunnulià da i suspire suoje
comme ‘o viento ca ‘e prumesse
porta.

Penza â vita comme â n’amante
smaniuso
ca p’’a sposa soja spanteca ancora
e allora, astrignela, accarezzala.
È nu vestito ’e seta, ‘na rosa vellutata
nu pruggetto e na speranza
e po, semplicemente,
lassa fa a Ddio.
Chella trista timurìa, zitta zitta,
se ne scappa via.



Traduzione in italiano

Paura
Ti entra nell’anima.
Come una trappola,
ti stringe, ti consuma, ti logora,
ti schiaccia.
E,velocemente, ti fa cadere
nell’angoscia più profonda.

Perciò, non lasciarti prendere da questo turbamento
e, con santa pazienza, amabilmente,
piano piano
alleggerisci il cuore, riscaldalo
e fatti cullare dai sospiri suoi
come il vento che le promesse porta.

Pensa alla vita come a un amante
impaziente
che per la sua sposa si strugge ancora
e allora, stringila, accarezzala.
E’ un vestito di seta, una rosa vellutata,
un progetto da realizzare e una speranza
e poi, semplicemente,
abbandonati a Dio.
Quella triste afflizione, zitta, zitta,
velocemente se ne scappa via.


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio