RACCONTI - CAMPANIA
‘E MAZZATE
La disattenzione può esser causa di spiacevoli conseguenze, in ispecie se si è distratte ed infedeli.
Dialetto: Campania

‘E MAZZATE
‘Na signora cu ‘a faccia abbuffata, ‘e guallecchie sott’ a ll’uocchie e ‘e braccia chiene ‘e mulignane, trase dint’ ô studio d’’o miereco suojo.
- Dottó, aiutateme… Dateme quacche ccosa : sto’ tutta mercata e chiena ‘e delure.
- Calma signò, calma… mo vedimmo che putimmo fà… Ma addó site stata? ‘Mmiezo a quacche curteo?
- Quannu maje, duttó.
- E chi v’à fatto chestu ppoco? Chi è stato?
- Maritemo duttó, sulo maritemo!
- Ma comm’ è possibbile: cheste so’ mazzate fresche: ô massimo ‘e chesta matina … E vostro marito, stammatina steva a Milano !
- E accussì me penzavo pur’io, duttó!



Traduzione in italiano

Le percosse
Una signora, con il volto tumefatto, occhiaie segnate e braccia coperte di lividure entra nello studio del proprio medico:
- Dottore, aiutatemi… Datemi qualche cosa: son tutta segnata e dolorante.
- Calma, signora, calma… Adesso vediamo cosa possiamo fare… Ma dove siete stata? In qualche manifestazione di piazza?
- Assolutamente no, dottore.
- E chi è che vi à fatto tutto questo? Chi è stato?
- Mio marito, dottore… Solo mio marito!
- Ma come è possibile: queste sono percosse recenti; al massimo di questa mattina.. E vostro marito questa mattina era a Milano!
E così pensavo io pure, dottore!



Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli